Baobab, Meloni plaude allo sgombero. Il Pd fa la lagna: e le camicie nere di CasaPound? (video)

martedì 13 novembre 15:37 - di Redazione

“Bene l’intervento di oggi al centro Baobab, già sgomberato diverse volte. Auspichiamo che questa sia l’ultima. Ora il sindaco Raggi sgomberi anche gli stabili occupati da immigrati e divenuti luogo di degrado, spaccio e criminalità. Tolleranza zero contro le zone franche”. Questo il plauso di Giorgia Meloni per lo sgombero del campo abusivo di migranti alla stazione Tiburtina. Un’azione cui gli attivisti di Baobab hanno replicato in tono di sfida: “Già ci hanno sgomberato 22 volte. Ricominceremo”.

In difesa del centro Baobab è scesa in campo compattamente tutta la sinistra capitolina, con il Pd in prima fila. E’ stato il presidente della Regione Nicola Zingaretti, candidato alla segreteria Pd, a “dettare” la linea: “Ora ci aspettiamo la stessa fermezza verso CasaPound”. Dice subito dopo la deputata dem Patrizia Prestipino: “Agire su una realtà di accoglienza importante come il Baobab, con modalità del genere, che io assocerei più al concetto di ferocia che non a quello di determinazione, è inaccettabile oltre che dal sapore di un mero spot elettorale”. Gli fa eco un altro dem, Gianni Cuperlo: “A Roma Salvini con tanto di ruspa sgombera Baobab senza che comune o governo abbiano attrezzato una alternativa per donne, uomini e minori. Sicurezza equivale a umanità. Il resto è propaganda, la peggiore perché fatta sulla pelle di chi non può difendersi”. E il senatore del Pd Bruno Astorre accusa: “Salvini asfalta la sindaca Raggi che aveva garantito progetti di inclusione e politiche dell’accoglienza positive, usa il pugno duro contro Baobab, ma non osa farlo nei confronti di Casapound. La ‘legalità di regime’ mai contro chi ha la camicia nera…”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • fabio dominicini 14 novembre 2018

    Ma se questo baobab gestiva 200 immigrati gli entravano in cassa 7.000 euro al giorno ? Ditemi che ho sbagliato i calcoli…!?
    Ma la gestione di CasaPound dipende economicamente dallo Stato italiano ?

  • FAUSTO 14 novembre 2018

    AMMIRO I MILITANTI DI CASA POUND. HANNO LE PALLE E DIFENDONO I VALORI IN CUI CREDONO, SONO DEI PATRIOTI CHE SI BATTONO PER L’ITALIA

  • C. Brandani 14 novembre 2018

    Giusta l’osservazione sulla pretesa immediata di sfrattare Casa Pound contro i 79 presidi occupati dai centri sociali sinistrorsi però allora vi chiedo come azzardare di accostare le proteste di Berlusconi contro alcuni, pochi, giornalai di sinistra alla protesta di Di Maio per il caso Raggi ( 46 processi contro il primo vs. 1 della seconda). O siete disinformati o siete in malafede.

  • Angela. 14 novembre 2018

    Ci volevo salvini per mettere ordine …spero che continui così!

  • Roberto 14 novembre 2018

    Un altra cosa…ma nel decreto sicurezza la prostituzione non è contemplata?…Usiamo la ruspa anche x queste persone che tutte le notti invadono le strade…sfruttatori e clienti compresi!…

  • Roberto 14 novembre 2018

    Invece la ruspa contro i PDIOTI a quando?…non li vota più nessuno perché bisogna pagargli lo stipendio?

  • Alessandro Bernasconi 14 novembre 2018

    Come godo ! ‘Sti pidioti proseguono con l’iter dell’idiozia falso buonista che li sta portando verso l’azzeramento dei consensi !

  • Alessandro Granatelli 14 novembre 2018

    Cosa c’entra Casapound? Casapound è nata per dare un tetto a delle famiglie italiane che a quest’ora sarebbero ancora lì ad aspettare visto che le liste per le case popolari è piena zeppe di immigrati. Giorni fa Casapound a Roma ha aperto le porte a giornalisti e a chiunque volesse vedere come stanno realmente le cose. Casapound deve rimanere perchè è la parte migliore della società e di questa politica in cui nessuno si impegna ad aiutare gli italiani. Chi invece deve sparire sono tutte quelle aree di degrado come San Lorenzo dove è stata uccisa Desirée, bene ha fatto Salvini e speriamo che continui così. FdI ormai è un partito alla frutta non si capisce nemmeno con chi stia un giorno sta con Salvini il giorno dopo con il nano di Arcore, cercate di avere una posizione quanto meno.

    • Laura Prosperini 14 novembre 2018

      sono d’accordo

    • gilberto giudici 14 novembre 2018

      complimenti Alessandro condivido in pieno in casa pound ritrovo gli ideali e la voglia di noi vecchi attivisti del fronte, la destra sociale per la quale abbiamo combattuto

    • il patriota 14 novembre 2018

      credo di essere d’accordo col fatto che Meloni deve decidere se stare con Salvini o con FI.

  • antonio 14 novembre 2018

    paragonare casapound ai vari baobab… pd vaff… nemico del popolo italiano

    • Guido 14 novembre 2018

      Condivido! Ora PD fuorilegge. I comunisti sono finiti in ogni parte del mondo. Solo in Italia resta questa cozzaglia

    • bruno 14 novembre 2018

      sono in linea con quanto hai scritto

  • eddie.adofol 14 novembre 2018

    x il PD e le camicie rosse dei centri sociali…….come la mettiamo???????????
    DAIE SALVINI TE E LA MELONI SIETE LA NOSTRA SALVEZZA!!!!!!!!

  • FieroInfedele 13 novembre 2018

    Ai “signori” piddioti: SGOMBERARE i centinaia di edifici occupati illegalmente dai vostri amichetti (e braccio armato) dei centri (a)sociali, in cui regnano illegalità, stupefacenti e clandestini. Ai capito, ROMetti?

  • Pino1° 13 novembre 2018

    il piddì,fa la lagna ? E casa Pound? E le camice nere? O bella, son come il simbolo delle sue schiere, ovvio !