«Attento a non fare la fine di Fini»: così Berlusconi “avverte” Toti

lunedì 5 novembre 18:53 - DI Redazione

Silvio Berlusconi “avverte” Giovanni Toti evocando la figura di Gianfranco Fini. Il leader di FI sarebbe infatti piuttosto infastidito dall’attivismo politico, in questi ultimi tempo, del governatore della Liguria e avrebbe quindi pensato bene di inviare un messaggio non molto amichevole al suo ex “delfino”  Questa è almeno è l’interpretazione di Libero  delle ultime dichiarazioni del Cav. «Berlusconi risponde al fuoco di Toti, il governatore della Liguria, che vorrebbe trasformare il partito azzurro nella “seconda gamba” alleata dei leghisti. La risposta a Toti è arrivata, indirettamente: “Quanto a un nuovo partito, non credo ci sia davvero questo rischio. Qualche volta una posizione di continuo dissesto serve a ottenere qualche titolo di giornale, ma la storia di FI e del centrodestra dimostra che tutti i frazionisti sono durati, politicamente, pochissimo. Vi sono esempi troppo noti perché qualcun altro sia davvero tentato di imitarli”. Fin troppo evidente, per quanto non esplicitato, il riferimento a Gianfranco Fini. Parole durissime, dunque, quelle di Berlusconi contro Toti».

Commenti

Rispondi a Giocitta Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • alexnmmd55@yahoo.com 12 novembre 2018

    Berlusconi e i suoi SERVI dovrebbero avere la decenza di sparire e di lavarsi la bocca prima di nominare Fini. Berlusconi e i suoi SERVI dovrebbero solo sparire

  • llabo@libero.it 6 novembre 2018

    Forza Italia da chi è stata portata con proclami vari, al 7% ? Non certo da Toti che cerca di salvare il salvabile, ma non ci riuscirà senza Salvini !

  • roccoangela60@yahoo.it 6 novembre 2018

    Il contesto è diverso,Fini sparì dalla scena politica perché si era messo contro Berlusconi all’epoca molto amato,oggi Toti avrebbe solo consensi perché il popolo forzista è rimasto molto deluso dal Silvio nazionale.

  • avv.ballicu@katamail.com 6 novembre 2018

    minaccia mafiosa ,dovrebbe avere il pudore di tacere dopo quello che non ha fatto in tanti anni di governo

  • Giuseppe Forconi 6 novembre 2018

    No , caro Berlusconi, forse Fini comprese in tempo per lo sbaglio fatto alleandosi. Forse non era come Gasparri e vecchi compagni di “AN” che si sono facilmente riciclati purche’ rimanere in piedi. Vorrei tanto chiedere a questa gente…… ma quello che fate, lo fate per l’Italia o per voi ? Sono curioso peggio di una vecchia battona.

    • marcomarco.105@gmail.com 6 novembre 2018

      Beh rivalutare Fini è il colmo.

  • marcomarco.105@gmail.com 6 novembre 2018

    In casa del boss sono ammessi solo camerieri e leccac***.

  • sidellupo@virgilio.it 6 novembre 2018

    Che il caimano rappresenti una minaccia verso chi osa contraddirlo, contestarlo, è sotto gli occhi di tutti, è ancora una volta la chiave di lettura di come questo signore abbia negli ultimi cinquanta anni e più, condizionato e manipolato la politica a suo uso e piacimento, per i propri interessi, con i risultati che ormai sono da sempre sotto gli occhi di tutti!!! I libri di storia avranno molto di che narrare su questo triste personaggio, ci saranno montagne di atti giudiziari da spulciare ed integrare nei voluminosi libri a disposizione delle scuole di ogni ordine e grado, e saranno pure oggetto di discussione nelle tesi di laurea, e se si vuole aggiungere, serviranno altresi da monito alla società civile del futuro, nello scongiurare che simili tragedie a danno del paese, perpetrate per interi decenni da tutta una serie di caste politiche, corrotte, criminali, abbia a ripetere. Se quanto dice Toti è vero, ebhè temo che Salvini e compagni dovrebbero iniziare a temere sul serio il caimano. Nulla a lui è precluso!! Con il rischio sin troppo evidente di un’inesorabile declino del movimento, anche perchè i militanti non credo siano del tutto inclini a digerire una simile alleanza! Dalle STELLE alle STALLE!! Questo è ciò che succede, e che avrà a mio modo di vedere, come conseguenza, il destino del movimento padano con il passaggio di molti eletti nelle fila del caimano a suon di bigliettoni, per l’ennesima alleanza, senza fine, e disastrosa per tutti, con il variegato sinistrame cattocomunista! Pensate siano idee strampalate e buttate li per caso? NNOOOOO!!!!!!! Abbiamo piena fiducia che l’integerrimo Salvini e il fidato Giorgetti. due figure,due stature di cosi alto livello, mai cadranno nella trappola del caimano!! Provare per credere!

    • giocitta@gmail.com 7 novembre 2018

      Ho letto bene o è un refuso tipografico, l’integerrimo Salvini e il fidato Giorgetti????

  • german.arte@virgilio.it 5 novembre 2018

    Parla proprio lui, che ha fatto sparire FI?