Assolto dopo lo sputo all’agente, Meloni: «Sì al reato di terrorismo di piazza»

martedì 13 novembre 11:16 - di Milena De Sanctis

La notizia dell’assoluzione dell’antagonista che ha sputato a un agente ha fatto infuriare le forze di polizia. Da tempo chiedono di garantire maggior sicurezza e dignità agli agenti costretti troppo spesso a subire le violenze della piazza. Per tutelarli l’unica strada percorribile, ha detto Valter Mazzetti, Segretario Generale Fsp Polizia è quella di «introdurre nell’ordinamento il delitto di terrorismo di piazza». La norma, ha spiegato, «consentirebbe di perseguire, anche attraverso la previsione di eventuali arresti differiti, chiunque arrechi agli operatori in servizio di ordine pubblico sofferenze fisiche o psichiche, calpestando l’onore della funzione e, al tempo stesso, mettendo in pericolo la sicurezza».

Meloni: «Presenteremo la proposta di legge»

Al loro fianco si è schierata  da Giorgia Meloni che in un post su Facebook ha scritto: «Dopo la gravissima sentenza che ha assolto per “tenuità del fatto” un antagonista che ha sputato in faccia a un agente, Fratelli d’Italia sostiene in pieno la proposta che arriva dai sindacati di polizia di inserire nell’ordinamento il reato di “terrorismo di piazza” per perseguire seriamente gli imbecilli che aggrediscono le forze dell’ordine. FdI sarà felice di fare propria questa proposta di legge e presentarla al più presto in Parlamento insieme alla legge anti black bloc per perseguire chi si copre il volto durante le manifestazioni e insieme alla revisione dell’assurdità della cosiddetta legge sulla tortura. Dalla parte delle forze dell’ordine. Sempre!».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Andrea 13 novembre 2018

    le radici sinistre ormai orfane della pianta continuano a fare danni …. la pianta andava sradicata, e non solo tagliata ma siamo gia stati fortunati cosi tutto sommato vista l’ottusaggine della media degli elettori italiani

  • 13 novembre 2018

    Italia e fuori controllo!! La sinistra Italiana fa schifo, non hanno nessuna idea, solamente buoni a distrugere a causare problemi..la unica soluzione e di identificare i capi di queste organizioni e processarli in tribunale come criminali…ma la magistratura Italiana fa schifo…che bisogna fare??? Siamo diventati come un paese del terzo mondo!!! Allora dichiariamo legge marziale e ordiniamo le forze del esercito per terminare queste situazioni…per questi pseudo communisti Italia a una reputazione brutta gli investimenti stranieri verranno terminati e un grande rischio investire in Italia.

  • Alfonsa 13 novembre 2018

    On. Giorgia Meloni, a seguito di questa assoluzione , la quale ancora una volta denota la superficialità da parte di magistrati ,probabilmente rossi, a cui non fanno molta simpatia le Forze dell’Ordine,chissà cosa potrebbe succedere all’interno delle carceri ,dove la Polizia Penitenziaria è più a contatto con gente senza ritegno e senza patria,forti dell’impunità di questa opinabilissima sentenza.Ci vogliono persone come Lei a presentare e far varare leggi che diano sicurezza e dignità alle Forze di Polizia.Auspico che anche il Ministro Salvini reagisca a questa nefandezza, da mettere sotto inchiesta i magistrati che non hanno rispetto per lo Stato,di cui gli uomini in Divisa lo rappresentano e lo difendono.Probabilmente i rossi se la ridono ,che vergogna!

  • Laura Prosperini 13 novembre 2018

    un po’ di “rieducazione” noo???
    magari con qualche mese di “lavori” socialmente utili
    tipo servizio negli ospizi oppure aiuto ai disabili e/o malati terminali noo???
    così una volta che toccano con mano il dolore vero capiscono anche che vanno rispettate le Istituzioni che proteggono i cittadini, anche quelli più disagiait
    e le forze dell’ordine appartengono a queste Istituzioni e vanno quindi rispettate quando fanno il loro dovere

  • Angela 13 novembre 2018

    Che fine ha fatto l’Italia della gente perbene ,questi magistrati che assolvono i violenti contro le forze dell’ordine non hanno alcun rispetto della divisa che portano questi nostri eroi che ogni giorno rischiano la vita per darci sicurezza ,il magistrato che ha assolto quel barbaro si dovrebbe solo vergognare.