X Factor: sarà il leader dello Stato Sociale a prendere il posto di Asia Argento

Dopo le indiscrezioni, gli stop and go e le polemiche, l’ufficialità. A prendere il posto di Asia Argento nella giuria della dodicesima edizione di X Factor, dopo la messa alla porta dell’attrice per l’accusa di stupro mossa dal giovane Jimmy di Bennet, sarà il leader dello Stato Sociale, il biondo e arruffato Lodo Guenzi, reduce dal podio di Sanremo con Una vita in vacanza, 40 milioni di views su Vevo, 13 milioni di streaming e il disco di platino.

Lodo Guenzi sarà il 4° giudice di X Factor

Sarà lui, e non Morgan come si era vociferato, il quarto giudice del talent show ad affiancare Fedez, Mara Maionchi e Manuel Agnelli dal prossimo 25 ottobre per 8 settimane su Sky. .«Lodo – si legge nel comunicato di Sky –  inizierà a lavorare da subito con la propria squadra con l’obiettivo di costruire un percorso musicale per ciascuno di loro e portarli il più in fondo possibile nella gara all’interno di X Factor». Dai primi di settembre, dopo le accuse mosse nei suoi confronti dal giovane Jimmy Bennett, Sky aveva comunicato che la Argento non avrebbe partecipato ai live del programma. A nulla sono valse le pressioni sui social dei fan e i messaggi di solidarietà dei colleghi perché l’attrice rimanese al suo posto. Domenica scorsa, intervistata da Giletti a Non è l’Arena, Asia Argento con la voce rotta dall’emozione aveva sperato che le cose potessero andare diversamente:«Vorrei tornare a X Factor, riappropriarmi della mia vita e tornare a fare il mio lavoro, perché mi ha tenuto in vita dopo la morte di Anthony (Bourdain), perché i miei figli sono fieri di me, perché l’Italia mi vuole, perché me lo merito e non ho fatto niente di quello di cui vengo accusata». Il leader e vocalist degli Stato Sociale si era già seduto al tavolo della giuria nella seconda puntata di audizioni di questa edizione di X Factor, nei panni di “quinto giudice”’, ricevendo un caloroso applauso dal pubblico e apparendo perfettamente a suo agio. Bolognese doc, fonda Lo Stato Sociale nel 2009 insieme agli amici degli anni del liceo Alberto Cazzola e Alberto Guidetti, dj di Radiocittà Fujiko di Bologna, ai quali si aggiungono nel 2011 Enrico Roberto e Francesco Draicchio. Di mestiere attore, Lodo è finito a fare il cantante. Dopo aver sbancato Sanremo, grazie anche alla straordinaria esibizione della “vecchia che balla”,  ha deciso di tentarsi regista per lo spettacolo di Dente e Guido Catalano e, svestiti i panni di regista, ha condotto il concertone del primo maggio di Roma. In questo momento Lodo recita nello spettacolo Il giardino dei ciliegi. Trent’anni di felicità in comodato d’uso, una rilettura moderna del lavoro di Anton Checov. Adesso dovrà vedersela con il talent più amato dell’anno. Da Sfera Ebbasta alla Pina, da Malika Ayane a Morgan, a spuntarla è stato il cantante dello Stato Sociale, su cui si erano aperte le trattative ancora prima della conferma dei quattro giudici di questa edizione.