«Vogliamo l’assegno di Di Maio», migranti e rom all’assalto dei centri per l’impiego

sabato 6 ottobre 11:20 - DI Augusta Cesari
migranti cei

Il reddito di cittadinanza sta crendo caos, code e parecchia confusione. Il provvedimento fortemente voluto dal M5S è entrato nel Def e, in attesa di ritocchi in vista dei rilievi mossi da Bruxelles, prevede  uno stanziamento di 10 miliardi di euro, 9 per il reddito minimo e 1 per la riforma dei centri per l’impiego. Sta creando parecchia confusione il fatto che il sussidio potrebbe spettare anche agli stranieri che risiedono in Italia da almeno 10 anni, migranti e rom compresi. I quali sono già in delirio, come dimostra un’inchiesta del Giornale in alcune città e come dimostrano i servizi che in questi giorni vengono mandati in onda dai talk show politici. Migranti e rom  sarebbero già in coda nei centri dell’impiego per avere informazioni sull’assegno da 780 euro promesso dai grillini. Torino, Milano, Verona, le città dove più si sono registrati assembramenti addirittura per prendere il numero per far la fila e poter ottenere informazioni. «Non essendoci ancora nulla di concreto sul tema – ha spiegato a Libero Patrizia Zoppolato, responsabile del centro per l’impiego della città – anche noi restiamo in stand bye». Dunque, momenti di imbarazzo. In coda ci sono anche i rom, che, «solo a Torino sarebbero in 500  ad averne diritto.

Al centro per l’impiego di via Strozzi a Milano «ci sono alcuni nigeriani che chiedono informazioni sul sussidio voluto dai grillini. Prendono il numero e attendono notizie dallo sportello. Ci sarebbero anche diverse donne dell’Est con idee precise: «Siamo qui per il reddito di Di Maio». Sono in tanti e c’è da attendersi che più aumentano le aspettative di entrearne in possesso, più file e confusione si creerà. Ma attenzione ai furbetti. C’è il  caos più assoluto. Sia per chi vuole sapere che per chi deve informare, ma evidentemente non sa cosa dire.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • gdetoffoli@yahoo.it 7 ottobre 2018

    Prima gli Italiani, se ne avanzeranno agli stranieri, basta mettere, come fanno nelle prefetture per assegnare gli appartamenti agli stranieri prima che agli italiani !
    10 punti in più agli italiani da almeno 50 anni !

  • claudia.pittol@libero.it 6 ottobre 2018

    Per una volta mi piacerebbe tanto un cenno di risposta

  • claudia.pittol@libero.it 6 ottobre 2018

    Questo sinceramente mi sembra un insulto a chi ha sempre lavorato, pagato le tasse, e non ha mai rubato. Mi spiace ma questo proprio noni va giù, signor ministro Salvini me lo vuole spiegare?

    • francesca.perucci@tiscali.it 7 ottobre 2018

      É un insulto pure il pagare tutti i mesi le tasse per mantenere le scuole e non avere figli. Se ragioniamo così, allora addio società e ognuno per sé e Dio per tutti

  • roccoangela60@yahoo.it 6 ottobre 2018

    A molti Rom non gli basta più rubare nelle case e in strada j poveri cittadini italiani?e ai migranti non gli basta più vivere sulle nostre spalle?pure il reddito di cittadinanza pretendono…e tutto questo per colpa della sinistra che (ha sempre coccolato e difeso questa gente) è la sinistra la vera unica grande rovina dell’Italia.