«Vediamoci e picchiamoci»: l’ultima follia social sono i Fight club in strada

Si danno appuntamento in strada, convocano gli avversari e gli spettatori e danno vita a una rissa. È la nuova follia che spopola tra giovani e giovanissimi: un “fight club” urbano che viaggia via social. Il fenomeno ha preso piede in particolare a Piacenza, dove è arrivato all’attenzione della questura che ha immediatamente preso provvedimenti.

Solo nello scorso fine settimana sono stati fermati 69 ragazzi, sei portati in caserma dai carabinieri e 63 dalla polizia. Era il terzo sabato consecutivo che Piacenza si trovava a dover fare i conti con le risse organizzate: una decina di giovani che se le danno di santa ragione senza alcun motivo reale, mentre altre decine assistono come si trattasse di uno spettacolo.

Un fenomeno che viaggia attraverso i social, sui quali vengono stabiliti luogo e ora dell’appuntamento, e che preoccupa le autorità. Anche perché sembra in crescita. «Non inseguite i falsi miti della violenza», è stato il monito che il questore di Piacenza, Pietro Ostuni, ha rivolto ai giovani, avvertendoli: «State attenti perché rischiate grosso con la legge».