Tunisino e ladro di professione da anni, viveva a Padova in un alloggio del Comune

“Un tunisino di 40 anni, clandestino e pluripregiudicato, è stato fermato dalla polizia perché sospettato di aver messo a segno decine di colpi nel centro di Padova. Fuori dall’Italia questi delinquenti”. Lo annunciava giorni fa il ministro dell’Interno Matteo Salvini sui social. Di certo è che la storia di questo tunisino è davvero particolare. Lazhar Amor Ben Torch è conosciuto al nostro ordinamento giudiziario e non da oggi. Si sospetta che siano opera sua i furti (circa una quarantina) avvenuti la scorsa estate nella città di Padova. “Nel passato di quest’uomo c’è un elenco infinito di reati commessi nel nostro Paese – scrive il Corriere – resistenza, spaccio, rissa, un posto di blocco forzato, divieti di dimora, furti a non finire, inottemperanza alla direttiva di rimpatrio”. 

 
Gli agenti della Squadra Mobile che lo hanno fermato gli hanno trovato in casa soprattutto capi…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi