Salvini si frattura il polso: “Ma i rimpatri li firmo lo stesso, con la sinistra”

Piccolo incidente per Matteo Salvini. “Fratturina al polso destro… Dimostrazione che alla mia età fare sport (nel mio caso andare a correre la sera sotto la pioggia, rischiando di scivolare come uno scemo) può essere mooolto pericoloso!” scrive il ministro dell’Interno, postando sui social la foto in cui mostra il tutore al polso destro. A un utente Instagram che, scherzando, commenta “e ora come li firmi i rimpatri?”, il vicepremier risponde: “Mi sto allenando a firmare con la sinistra”.

In mattinata Salvini non aveva per nulla scherzato quando aveva appreso della notizia della bomba carta lanciata verso una sede della Lega: “Spero che passino un po’ di tempo in galera perché a me piace chi ha le idee diverse dalle mie ma le esprime rispettosamente. Chi muove le mani, prende a calci o tira bombe, non è un anarchico ma un cretino, un delinquente, che deve passare qualche giorno in galera soprattutto perché ha disturbato la gente di Ala che voleva dormire. Dal nostro punto di vista un Trentino più tranquillo passa anche attraverso la chiusura di alcuni centri sociali”.