Salvini contro Mattarella: «Anche di Lucano dirà che non è al di sopra della legge?»

sabato 6 ottobre 18:15 - DI Ezio Miles

Quella randellata arrivata dal Colle in un momento di difficoltà Matteo Salvini non se l’è dimenticata e ora, alla prima occasione, il vicepremier  l’ha restituita a Sergio Mattarella, sotto forma di battuta al vetriolo. «Qualche migliaio di persone di sinistra (tra cui Laura Boldrini) ha manifestato solidarietà al sindaco di Riace, finito ai domiciliari con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Quando scoppiò il caso Diciotti, l’Anm difese il pm tuonando “basta interferenze”, mentre Mattarella ricordò che “nessuno è al di sopra della legge». Oggi si è svolta a Riace una manifestazione in favore del sindaco Mimmo  Lucano, mentre nella galassia mediatica progressista è tutto un inneggiare al primo cittadino “eroe” del centro calabrese. È l’ennesima dimostrazione della doppiezza (morale e culturale) della gente di sinistra: c’è un’illegalità “buona” (la loro) e c’è un’illegalità “cattiva” (ed è sempre quella degli altri). Passano i decenni, si avvicendano le  generazioni sulla scena, ma, di certi vizi, la sinistra italiana non riesce proprio a fare a meno.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • micheli_massimo@libero.it 7 ottobre 2018

    Ricordo – condividendo appieno le parole di Salvini – che e’ un vizio antico…. gia Antonio Gramsci parlava della violenza fascista, cattiva perché reazionaria e di quella proletaria che, invece, e’ progressiva quindi nella sostanza positiva…..e’ il manicheismo ancora piu’ antico per cui il Bene sta tutto da una parte….poi oggi con il neo marxistico “politically correct”……

  • gdetoffoli@yahoo.it 6 ottobre 2018

    Queste sono le spalle dritte Del Ministro della Repubblica ELETTO DAL POPOLO che ricorda ad un scordarello vissuto nell’ombra tutta la sua vita, defilato, piazzato sempre da poteri forti della vecchia guardia che non rappresenta più il popolo da molti anni ! Vecchi attrezzi che hanno avuto in mano le ‘carte segrete’ dello stato e di queste hanno fatto personale appannaggio. Per questo motivo vedo un futuro radioso e rapido di Conte che ha trattenuto per se la carta Copasir !! Che stato di mme— ,direbbe emilio fede, ci hanno lasciato in eredità le sinistre schiere che risorgono grazie a certi figuri !

  • Giuseppe Tolu 6 ottobre 2018

    Tutto questo deve finire al più presto. A quando il presidente eletto direttamente dai cittadini?