Rotta su buonismo e business: salpa Mediterranea, nave finanziata da Ong e Onlus

giovedì 4 ottobre 15:35 - DI Lorenza Mariani

Una sfida aperta al governo giallo-verde e all’interventismo di Matteo Salvini e all’indifferenza ostentata dalla Ue in tema di immigrazione selvaggia alimentata dal business di scafisti, trafficanti di esseri umani e di chi, sui flussi ininterrotti di migranti, specula e si arricchisce in spregio della vita di profughi e migranti e della sicurezza dei confini. E allora, facendo rotta su buonismo e business, è appena salpata dalle nostre coste la nave italiana Mediterranea, diretta a raggiungere l’omonimo mare per svolgere «un’attività di monitoraggio, testimonianza e denuncia». Fautori della missione navale, che opererebbe in apparente controtendenza con quanto disposta in materia dal governo italiano e dal Viminale, ong e onlus tra cui l’Arci, Ya Basta di Bologna, lSea-Watch, il magazine online I Diavoli e l’impresa sociale Moltivolti di Palermo. Garanti del progetto, invece, alcuni parlamentari sostenuto da esponenti del mondo della cultura e della società civile.

Salpa “Mediterranea”, la nave finanziata da Onlus e Ong

Dunque, mentre l’apolide Aquarius gestita dalle ong Sos Mediterranee e Medici senza frontiere, è arrivata giusto questa mattina a Marsiglia dopo aver effettuato, domenica 30 settembre, il trasbordo a Malta delle 58 persone recuperate dieci giorni prima al largo delle coste libiche, ostacolata nelle sue scorribande dalla necessità di trovare, per poter navigare, una nuova nazione che accetti di registrarla, la nuova imbarcazione si dichiara pronta a nuove operazioni di soccorso e traghettamento. Una missione che si inserisce nel solco delle polemiche e delle speculazioni e che, pur seguendo, come annunciato dai promotori dell’iniziativa in un comunicato, le coordinate che puntano a ovviare ai pericoli che corrono le imbarcazioni cariche di migranti e alla necessità dei soccorsi in mare aperto, puntano a occupare (di nuovo) nel Mediterraneo uno spazio al momento “bonificato” dal controverso operato di Ong varie ed eventuali…

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • max.bialystock@libero.it 5 ottobre 2018

    non possono non tener conto delle leggi ed il decreto Salvini è stato firmato
    vogliono vedere se funziona e quanto funziona
    così magari riescono a prendere dei provvedimenti per raggirarlo (i negrieri si faranno pagare di più…)

  • Diciotti@gmail.com 4 ottobre 2018

    Abbiamo interrotto la filiera del migrante. E la cosa è molto grave per loro. Con tutti i soldi che ci hanno investito!

  • roccoangela60@yahoo.it 4 ottobre 2018

    Poveri noi se neanche queste organizzazioni che guadagnano sulla pelle degli immigrati rispettano i diktat del governo,vuol dire che ci sono organizzazioni potenti capaci di mettere K0 un governo…davvero Poveri noi.

  • gdetoffoli@yahoo.it 4 ottobre 2018

    La cautela con cui viene posto l’articolo ((monitoraggio, testimonianza, denuncia)) sostenuti da deputati e società civile? Una società che va contro legge è criminale intenzionale, non civile. Ovviamente con bandiera Italiana. Impresa Moltivolti di Palermo Moscovici aggredisce e Mattarella non fa una piega ? Ce lo vogliono smontare davvero questo governo, a qualunque costo anche con la mafia alle spalle? Qualunque cosa va bene pur di affondare il governo, affondate loro. Guardia di Finanza e controllare a fondo. Questa guerra vede troppi cani intorno all’unico osso italia !