Renzi: “Voterei Sì al referendum sull’Atac”. Sarà effetto boomerang? (video)


«Se fossi cittadino di Roma voterei a favore del referendum proposto dai Radicali» sull’Atac «contro la gestione scriteriata di Virginia Raggi». Lo ha detto Matteo Renzi in un video su Facebook. «Non è possibile che a Roma gli autobus brucino in orario, che la gestione di Atac sia così scriteriata e la colpa è dell’azionista Comune di Roma», ha aggiunto l’ex leader del Pd.

Il bacio della morte di Renzi

Un favore ai Radicali?  Più probabilmente è un bacio della morte da parte di Renzi, che ormai è diventato un re Mida al contrario. Ciò che tocca lo trasforma in fango anziché in oro. E che la battaglia per il referendum consultivo voluto dai Radicali sia tutt’altro che facile è confermato dalla scarsa partecipazione (e dall’informazione inesistente) della cittadinanza romana su questo tema.

Il referendum sull’Atac l’11 novembre a Roma

Intanto i Radicali, dopo il sostegno del Pd romano, fanno esercizio di ottimismo. «Sarebbe un grande successo se riuscissimo a raggiungere il quorum». Così il segretario dei Radicali Italiani, Riccardo Magi, riferendosi al referendum consultivo dell’11 novembre sulla messa a gara dei servizi di trasporto pubblici della città di Roma. ”Infatti se chiediamo alle persone – spiega il deputato di ‘Più Europa’ durante la registrazione di ‘Roma Incontra’ – solo una o due su dieci sono a conoscenza dell’appuntamento e ancora meno sanno che si tratta di un appuntamento istituzionale. Se riuscissimo a raggiungere il quorum potrei candidarmi al Campidoglio”, conclude Magi.