Referendum in Romania: si vota per abolire le nozze gay

sabato 6 ottobre 15:53 - DI Carlo Marini

Gli elettori della Romania sono chiamati alle urne oggi e domani per pronunciarsi su un cambiamento della costituzione che definisce il matrimonio un’unione tra un uomo ed una donna e non più – come è attualmente – tra due coniugi. Se approvata, la modifica costituzionale escluderebbe la possibilità di consentire in futuro matrimoni gay. La proposta – voluta dalla “Coalizione per la famiglia” che ha raccolto i tre milioni di firme necessari all’organizzazione del referendum – viene appoggiata largamente dai circoli politici moderati e religiosi. Perché il voto sia valido l’affluenza dovrà essere almeno del 30%. I risultati sono attesi per lunedì.

Abolizione delle nozze gay in Romania: serve il quorum del 30%

Nella formulazione attuale, la carta costituzionale della Romania afferma infatti che «la famiglia è fondata sul matrimonio liberamente contratto dai coniugi», mentre la proposta sottoposta alla consultazione precisa che il matrimonio viene contratto da «un uomo e una donna, uguali tra di loro, e si basa sul diritto dei genitori di assicurare la crescita, l’educazione e l’istruzione dei figli». I vescovi cattolici rumeni hanno espresso il loro pieno appoggio all’iniziativa tramite una Esortazione per i sacerdoti e i fedeli cattolici, ma anche rivolta a tutte le persone di buona volontà con l’invito a sostenere il referendum. Nell’Esortazione, i vescovi rumeni spiegano che “il termine coniug’ potrebbe generare degli equivoci” e per questo «è necessario precisare che soltanto l’unione liberamente contratta da un uomo e una donna può essere chiamata matrimonio».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • gianni.selvidi@virgilio.it 7 ottobre 2018

    LA ROMANIA CI INSEGNA , LA LEGGE DI DIO , NON SI POSSONO SPOSARE DUE UOMINI ?

  • renata.bortolozzi@tin.it 7 ottobre 2018

    .. e l’ omino vestito di bianco che abita vicino a Roma, non l’ ho mai sentito tuonare contro queste quisquillie teologiche… o forse è colpa dei telegiornali che ci fanno sentire solo in parte le sue prediche dal balcone !!! e omettono proprio queste.

    • paolaiesus@tin.it 8 ottobre 2018

      Ma, scusa Renata, ti sembra possibile che l’omino vestito di bianco abbia il tempo di occuparsi di queste quisquilie teologiche??????
      E’ troppo occupato con il problema degli immigrati che DEVONO essere accolti…!!!!!!

  • cardi.f@web.de 7 ottobre 2018

    Beh, i froc**ti romei verranno in Italia a convolare, tanto ormai sono già presenti a milioni1

  • ANGELO AIAZZI 6 ottobre 2018

    e meno male che loro sono in dietro …mhaaa ho paura che fra non molto ci surclassaeranno in tutto a cominciare da questi obbrobri di cazzate omosessuali …solo per far dare voti ai pseudo comunisti