Rachele Mussolini: «La Raggi non sa rispondere sul degrado di Conca d’Oro»

martedì 30 ottobre 17:32 - di Redazione

“L’area della stazione della metro B1-Conca d’Oro è allo sfascio più totale. Incuria e degrado continuano a essere all’ordine del giorno. Le condizioni in cui versa la stazione sono disastrose: la stessa è vandalizzata e danneggiata in più punti. A farle da cornice soltanto bivacchi, rifiuti sparsi, siringhe e vetri rotti. Una situazione esplosiva che mette a repentaglio l’incolumità della popolazione che vive e lavora in quel quadrante cittadino”. Così Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica “Con Giorgia”. “Come  Consigliera di Roma Capitale ( – continua Rachele Mussolini – nel dicembre del 2017 ho presentato un’interrogazione al Sindaco affinché si effettuasse una verifica urgente dello stato dei luoghi e si mettessero in campo  iniziative volte a prevenire atti di vandalismo. Inutile dire che da allora non ho ricevuto alcuna risposta”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Pino1° 31 ottobre 2018

    Perché infierire ? E’ palese da tempo che non può superare i sette colli. Senza una squadra poderosa alle spalle, senza contatti determinanti con il tessuto sociale ben stabiliti, consolidati e un sostegno da parte della potentissima (in tutti i sensi sia l’uno che l’altro) ‘municipale’ questa -la ingenua colpa di una parentale nomina-, e presso questura e prefettura… non ce la fai ! Lasciando stare per carità di dio la magistratura che, nella sola unica città, racchiude TUTTI i gradi di sentenze e di interessi e conseguentemente di giudizio, senza toccare il tribunale fallimentare in cui non entrare se non hai uno scafandro abissale. Pensa che roba! Roma è città di mafia, di spionaggio civile e militare, di ambasciate, somiglia a Tobruk degli anni quaranta, di competizione fra gruppi e di salotti sniffanti.. ‘andò vai se nun cell’hai stà attrezzatura ? E poi ministeri, interessi, lobbies, traffico d’armi e di ‘roba’ che è la vera moneta del sottobosco criminale, libero di muoversi come crede, sono strati criminali e sociali che si intrecciano orizzontali, verticali, ma sopratutto trasversali ! E’ apparsa subito un pulcino nella pania. Ce l’hanno lasciata con un sospiro di sollievo conoscendone il carattere da cui tutti i capi di qualcosa compresi quelli di piazza con le stellette staranno sicuramente lontani! Gara persa sin dallo start. Se mettiamo che ovunque ci siano penta stellati è così, tranne per la appendino scelta praticamente per l’ok dell’imprenditoria cittadina benevola nei suoi confronti, hanno rafforzato ovunque le occupazioni, trasandatezza, cecità sulla microcriminalità, ovunque più di quella che hanno trovato. A breve con il ritorno del boss in ferie, tonificato, rasoio affilato, combat ready vedremo variazioni che daranno problemi al governo e sopratutto al paese !