Predappio, a vuoto la provocazione dell’Anpi: in 2000 senza incidenti (video)

Nessun incidente oggi a Predappio  nella rituale commemorazione della Marcia su Roma. C’era tensione alla vigilia per una  manifestazione indetta dall’Anpi nella stessa giornata, una provocazione di cui non si sentiva davvero il bisogno visto il carattere sempre pacifico delle manifestazioni nostalgiche de 28 ottrobre

Più di duemila persone sono sfilate lungo la strada provinciale del Rabbi, dal centro di Predappio al cimitero di San Cassiano dove è sepolto Benito Mussolini: quasi tutti con felpe nere, una partecipazione variegata, dai giovani agli anziani, anche qualche famiglia con i bambini. I più giovani non hanno resistito a farsi fotografare, a gruppetti, durante il gesto del saluto romano. Lungo il percorso più volte è salito il coro “duce duce” e anche l’inno di Mameli. Dentro il cimitero, poco dopo le 11, i presenti hanno rivolto il saluto romano all’invocazione del nome Benito Mussolini. Una nipote, Silvia Negri, ha raccomandato massimo silenzio all’interno della cripta (riaperta proprio sabato dopo i lavori). Verso le 12 il corteo è ritornato in ordine sparso verso il centro del paese.

La manifestazione Anpi è stata invece indetta per il pomeriggio in un teatro di Predappio. Nei giorni scorsi l’Associazione nazionale partigiani aveva chiesto al prefetto di vietare la commemorazione del 28 ottobre suscitando preoccupazioni di ordine pubblico.

CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO