Poliziotti pestati da immigrati, Meloni: «I delinquenti vanno cacciati»

martedì 9 ottobre 13:32 - DI Fortunata Cerri

«Due poliziotti fermano un gambiano di 26 anni che aveva tentato di investirli: vengono circondati da 50 extracomunitari del Cara di Borgo Mezzanone a Foggia e pestati. Totale solidarietà di Fratelli d’Italia ai nostri agenti. Chiediamo l’espulsione immediata per questi delinquenti. Chi viene in Italia deve rispettare la legge e basta!». È quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni commentando il pestaggio dei due poliziotti. Nel corso di un servizio anticaporalato e contro l’immigrazione clandestina nelle campagne di Borgo Mezzanone, vicino Foggia, agenti di una pattuglia della polizia stradale del Distaccamento di Cerignola dopo aver fermato un gambiano che aveva cercato di investirli con l’automobile, sono stati accerchiati da una cinquantina di immigrati e aggrediti a calci e pugni.

Solo dopo l’arrivo di altre pattuglie del Distaccamento di Cerignola, della Sezione di Foggia e dei Reparti Prevenzione Crimine gli aggressori si sono allontanati. Il cittadino gambiano identificato come O.J., 26 anni, con vari precedenti penali, è stato arrestato. I due operatori del Distaccamento Polstrada di Cerignola hanno ricevuto le cure nell’Ospedale di Cerignola, rispettivamente con prognosi di 15 e 30 giorni.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • gdetoffoli@yahoo.it 10 ottobre 2018

    Imparare (per insegnare) da chi ha affrontato questi eventi gravissimi prima di noi è elemento fondamentale nei rapporti inter-sociali-umani !
    Si raccolgono gli ‘insegnanti’ gli si fa ripassare il metodo del buon Cossiga (no, quello di Tambroni è fuori contesto) e quando hanno appreso, che so, dieci/quindici minuti, si va a parlare con tutto l’insieme degli allievi ospitati a nostro danno e costo, grazie a Boldrina, Renzi, Minniti, Martina, & compagnucci belli delle cooperative dei furbetti del quartierino, e si scolarizzano sul rispetto che devono alle forze dell’ordine possibilmente interforze, così per fargliele vedere tutte le divise al modo che possano poi ricordarsi chi è l’ordine pubblico, che per la bisogna dovrebbero essere nutritamene composte da paritario numero di uomini e di donne convincenti, ce ne sono! Parlando loro con calma, metodo, nella lingua universale dell’apprendimento degli ospiti che non conoscono bene l’italiano. Questi dialoghi sono utili anche per gli ospitanti italiani ricordando il vecchio proverbio del ”parlar alla nuora perché suocera intenda !”

  • max.bialystock@libero.it 9 ottobre 2018

    chissà se qualche solerte magistrato non li rimetterà in liberta, poverini, perchè fuggono dall’inferno…
    chissà…

  • badelio@teletu.it 9 ottobre 2018

    C’è qualcuno che spiega a questi animali che i poliziotti vanno rispettati non picchiati. Se manca chiamatemi. Questi negri nei loro paesi se picchiano un poliziotto se lo ricordano.