Pd alla frutta: Boccia (mister De Girolamo) si candida alla segreteria

«Sì, mi candido» alla segreteria del Pd. Così Francesco Boccia in una intervista al Corriere della sera. Secondo il deputato dem coniugato con l’ex ministra Nunzia De Girolamo «la rottamazione ha fallito clamorosamente, è stato un disastro culturale e politico». «Io non sarò un nuovo segretario – aggiunge – sarò al limite un segretario nuovo. Non sono il candidato di nessuno».

Il Pd cerca disperatamente un leader

Su Michele Emiliano, Boccia dice: «A Michele mi lega un rapporto fraterno, è stato molto coraggioso perché ha capito per tempo lo scollamento tra il popolo e le élites. Il Pd invece, con qualche selfie di troppo, è riuscito a passare per il partito che era vicino ai potenti, alle banche, agli industriali, alle grandi organizzazioni». Secondo Boccia, inoltre, con il M5s «non è uno scandalo dialogare su alcune misure».

Boccia, meglio noto come mister De Girolamo

Boccia, 50 anni, originario di Bisceglie, negli anni scorsi è stato protagonista delle riviste di gossip per il fidanzamento, poi trasformatosi in matrimonio, con la ex ministra e deputata berlusconiana Nunzia Di Girolamo. Tra le curiosità personali, Boccia è padre di Edoardo, Ludovica e Gea, gioca come centravanti nella Nazionale di calcio Parlamentari ed è un grande supporter juventino (è presidente dello Juventus di Montecitorio). Nel curriculum vanta una laurea alla Bocconi e un passato da ricercatore alla London School of Economics e visiting professor alla University of Illinois di Chicago. Dal punto di vista politico è stato assessore all’economia del comune di Bari nella giunta Emiliano per poi diventare capo del dipartimento economico a Palazzo Chigi con Romano Prodi presidente del Consiglio. Boccia è stato anche commissario straordinario del Comune di Taranto.