Pace fatta. Di Maio: «Amici ritrovati». Salvini: «Ma non ci siamo mai persi…» (video)

«Andiamo in Consiglio dei ministri, togliamo il condono per gli evasori e lasciamo la pace fiscale. La Lega ha detto che non vuole il condono e questo li rende “gli amici ritrovati!”», cosi Luigi Di Maio su Facebook poco prima di entrare a Palazzo Chigi per il vertice dedicato al “pericoloso” decreto fiscale in un clima infuocato dalle dichiarazioni del vicepremier leghista sulla “manina” misteriosa e la smentita di Matteo Salvini (tutti sapevano, eravamo d’accordo) che ha scatenato una rissa tra i due a suon di tweet e post sui social. Pace fatta tra i gemelli diversi prima ancora del Consiglio dei ministri? Certo che sì, almeno stando alle ultime parole del vicepremier 5Stelle pronunciate sul piazzale davanti a Palazzo Chigi e la risposta a distanza di Salvini.

Di Maio: amici ritrovati

«Oggi è una giornata importante per noi al Circo Massimo, ma c’è anche un Consiglio dei ministri…», dice Di Maio ai cronisti davanti a Palazzo Chigi invitando tutti a spegnere i riflettori sui duelli interni. «Daremo due copie del provvedimento a Salvini così non si sbaglia», scherza, «e basta con questa storia della panna montata, tutti sanno, anche Conte, che l’articolo 9 non è stato mai letto in Consiglio dei ministri. Mi fa piacere che la Lega non voglia il condono, questo li rende “amici ritrovati”…».

Salvini: «Non ci siamo mai persi»

«Ma non ci siamo mai persi», risponde con lo sguardo innamorato il ministro dell’Interno leghista dai microfoni di Carta Bianca, su Rai3, a chi gli riporta le parole del vicepremier grillino. Insomma il feeling è ritrovato, più in versione  “fidanzatini di Peynet” che in stile vicepresidenti del Consiglio. Ma non si può avere tutto…