“Non lavoro perché nera”. Un anno fa Judith denunciò (su Fb) uno stupro

La denuncia sui Social è ormai diventata un’alternativa alle lettere ai giornali. Si posta un video e si segnala un’ingiustizia subita. È il caso di Judith Romanello, ragazza veneziana di origine caraibica, che sta facendo parlare di sè i media locali e nazionali. Judith sostiene che un ristoratore di Venezia le ha rifiutato il posto da cameriera nel suo ristorante con la giustificazione che la ragazza fosse nera.

Judith: “Spero che questo video possa far riflettere”

Un’accusa gravissima, che ha avuto una vasta eco mediatica. In questo video la giovane racconta la sua condizione e dichiara di aver fatto la denuncia anche a nome delle tante persone che hanno subito lo stesso trattamento in Italia. In un’epoca di fake news, c’è anche chi non ha creduto alla versione di Judith. La giovane infatti non ha fornito alcun dato per identificare il ristoratore in questore. La ragazza in questione è particolarmente attiva sui Social e con questa denuncia si è guadagnata di sicuro una grande visibilità. E qualcuno ipotizza che dietro la denuncia ci sia in realtà solo ed esclusivamente questo: il tentativo di ottenere una vetrina mediatica.

La denuncia dello stupro

La denuncia dello stupro

Un anno fa denunciò su Fb uno stupro

C’è da segnalare un fatto ancora più grave di quanto denunciato ora. Consultando la bacheca pubblica di Facebook della stessa Judith, meno di un anno fa la ragazza aveva scritto di avere subito uno stupro. Post che successivamente aveva cancellato, lasciandone tuttavia alcune tracce in Rete. Ma in questo caso, speriamo per lei, che il fatto sia solo un’invenzione.

Judith Romanello in uno dei suoi scatti su Instagram

Judith Romanello in uno dei suoi scatti su Instagram