Nel M5S serpeggia la rivolta anti-scontrino. Un eletto: «Basta chiederci soldi»

martedì 9 ottobre 16:56 - DI Redazione

Al momento viaggia sotto traccia, ma nel M5S qualcuno ha già pensato di ribattezzarla come “la rivolta dello scontrino”. Al momento si tratta solo di mugugni, ma sempre meno repressi per farsi persino rumorosi una volta entrate in vigore le nuove regole per le rendicontazioni degli stipendi dei Cinquestelle. Al punto da indurre alcuni parlamentari a chiedere ai vertici del gruppo, con il placet di molti colleghi, una “rateizzazione” degli importi che gli eletti sono periodicamente chiamati a restituire alle casse del MoVimento.

I parlamentari del M5S voglio la rateizzazione

E come se non bastasse, a rinfocolare i malumori ci sarebbe anche la richiesta di 2mila euro a testa da versare per l’organizzazione della festa di Italia 5 Stelle: una cifra giudicata però troppo gravosa da non pochi deputati e senatori. Facendo due conti sulla scorta dei nuovi parametri in uso al M5S e pubblicati sul Blog delle Stelle lo scorso 28 giugno – per il trimestre marzo-giugno -, i parlamentari del M5S hanno dovuto versare un importo forfettario pari a 6.500 euro da destinare al fondo del microcredito e 950 euro come contributo all’Associazione Rousseau, per il mantenimento delle piattaforme tecnologiche 5 Stelle. A luglio, invece, sono state applicate le modalità di rendicontazione indicate nel nuovo regolamento, che prevede: un importo minimo mensile di 2mila euro; un “contributo Rousseau” di 300 euro più altri 1000 per l’organizzazione e la partecipazione ad eventi ufficiali del Movimento 5 Stelle. «Versare questi soldi, tutti in una volta, ciclicamente, è un impegno troppo oneroso», si è sfogato un parlamentare grillino che non ha voluto rivelare la propria identità all’Adnkrons. «Per questo – ha aggiunto – abbiamo chiesto una sorta di diluizione delle restituzioni”.

Nel mirino i costi di Italia 5 Stelle: «Troppi 2mila € a testa»

Ma a tenere banco nelle ultime settimane è anche la kermesse Italia 5 Stelle in programma al Circo Massimo il 20 e 21 ottobre. Quest’anno la raccolta fondi è partita in ritardo rispetto alle precedenti edizioni e per far fronte alle spese sarebbe stato chiesto agli eletti uno sforzo di 2mila euro a testa. Una richiesta che ha fatto storcere la bocca a tanti. «Io – spiega un deputato polemico con la scelta dei vertici – ho versato solo mille euro. Di più mi sembrava eccessivo. Quei soldi preferisco spenderli per progetti sul territorio e non per una festa…».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • max.bialystock@libero.it 10 ottobre 2018

    ancora non avete capito che asservire la Politica ai bilanci ai conti in ordine ai soldi
    è, di fatto, ucciderla.
    Con l’onda di tangentopoli (che disastri ha fatto) si è voluto “punire”, di fatto, la Politica ed i Politici tutti
    eliminando il finanziamento Pubblico dei Pertiti
    che rendeva, però, io Politici (non più onesti, questo è un moralismo d’accatto) autonomi rispetto alle Lobby Bancarie ed alle mafie e mafiette.
    Oggi che i finanziamenti sono privati, i politici e la Politiche è SERVA degli interessi (anche miseri) di parte e non riesce ad avere un’orizzonte temporale ne di medio ne di lungo termine ma è obbligata, per sopravvivere a navigare a vista.
    L’economia comanda a bacchetta la Politica
    è questa la più grande rivolozione avvenuta con “mani pulite”
    e non è certo un plusvalore, anzi, è una vera e propria catastrofe.
    Ridiamo autonomia alla Politica (gli onesti ed i ladri ci sono sempre stati, si sono anche oggi, anzi e ci saranno in futuro) ristabiliamo il Finanziamento Pubblico dei Partiti (dandi agli stessi Partiti ed ai loro vertivi maggiori responsabilità, nel bene e nel male).
    Solo così potremmo vedere di nuovo la vera Politica lungimirante che ha contraddistinto una parte della nostra Storia Repubblicana.
    Coraggio!!!