Moscovici: «L’Europa può crollare a causa di Salvini, Le Pen e Orban»

Ancora un attacco. Il commissario europeo agli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici, non fa passare neanche un giorno e torna a sferrare altri colpi contro il governo italiano: «L’Unione Europea può implodere o essere snaturata dai responsabili dell’estrema destra, Matteo Salvini, Marine Le Pen o Vitkor Orban».  L’attacco durissimo, l’intervento nuovamente a gamba tesa arriva in un’intervista rilasciata a Le Monde, nella quale annuncia che non si candiderà alle europee del maggio prossimo con il Partito socialista, che, denuncia, «non si rende conto della sfida esistenziale dinanzi alla quale si trova l’Europa: per la prima volta nella sua storia, la sua esistenza è minacciata». Moscovici non molla, anzi raddoppia e rilancia lo scontro contro l’Italia, a poche ore dall’avere accusato l’Italia di avere un »governo razzista e xenofobo». In pratica insultando gli italiani.

Anzi. Non pago di spargere terrore a profusione e scenari foschi, usando paroloni come «sfida esistenziale», ha poi ha ribadito il concetto ancor più duramente in un messaggio destinato al suo blog.«L’Europa è a un bivio: se non facciamo niente, gli Orban, i Salvini, i Kaczyinski, i Le Pen disegneranno un’Europa dove la giustizia e la stampa saranno sotto controllo, gli stranieri stigmatizzati, le minoranze minacciate». Un delirio. E’ evidente che in vista delle Europee di primavera la paura fa novanta, come si suol dire. «Populisti per gli uni, nazionalisti per gli altri, tutti questi leader di estrema destra sono per me i nemici delle democrazie aperte e liberali che abbiamo costruito dal 1945 per garantire la pace».