Moscovici: «L’Europa può crollare a causa di Salvini, Le Pen e Orban»

giovedì 4 ottobre 15:06 - DI Angelica Orlandi

Ancora un attacco. Il commissario europeo agli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici, non fa passare neanche un giorno e torna a sferrare altri colpi contro il governo italiano: «L’Unione Europea può implodere o essere snaturata dai responsabili dell’estrema destra, Matteo Salvini, Marine Le Pen o Vitkor Orban».  L’attacco durissimo, l’intervento nuovamente a gamba tesa arriva in un’intervista rilasciata a Le Monde, nella quale annuncia che non si candiderà alle europee del maggio prossimo con il Partito socialista, che, denuncia, «non si rende conto della sfida esistenziale dinanzi alla quale si trova l’Europa: per la prima volta nella sua storia, la sua esistenza è minacciata». Moscovici non molla, anzi raddoppia e rilancia lo scontro contro l’Italia, a poche ore dall’avere accusato l’Italia di avere un »governo razzista e xenofobo». In pratica insultando gli italiani.

Anzi. Non pago di spargere terrore a profusione e scenari foschi, usando paroloni come «sfida esistenziale», ha poi ha ribadito il concetto ancor più duramente in un messaggio destinato al suo blog.«L’Europa è a un bivio: se non facciamo niente, gli Orban, i Salvini, i Kaczyinski, i Le Pen disegneranno un’Europa dove la giustizia e la stampa saranno sotto controllo, gli stranieri stigmatizzati, le minoranze minacciate». Un delirio. E’ evidente che in vista delle Europee di primavera la paura fa novanta, come si suol dire. «Populisti per gli uni, nazionalisti per gli altri, tutti questi leader di estrema destra sono per me i nemici delle democrazie aperte e liberali che abbiamo costruito dal 1945 per garantire la pace».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ventiruoc@gmail.com 18 novembre 2018

    MAAA LEVATEEE DE MEZZOOO A LARDONE DE M….A AVANTIIII SALVINIIIIII ?????

    • gcaricat@alice.it 23 novembre 2018

      Bisogna che ci liberiamo, questa non è l’Europa che salva stati, li massacra bisogna che cambino le regole e che ogni stato abbia la propria moneta ed essere indipendente di decidere il da farsi la sovranità è del popolo e non da quattro faccendieri che per i loro stramaledetti interessi dettano leggi costoro, non sono stati eletti dal popolo e non possono aggradarsi il diritto di pretendere il da farsi l’euro dovrebbe servire eventualmente x gli scambi internazionali questa è un’Europa da sfascia stati bisogna che si riprendano le redini se non faremo sì una brutta fine, ma non hanno compreso che il rischio è per tutti.

  • Paolo@purityitalia.it 16 novembre 2018

    Finalmente una nuova Europa dei popoli e NO delle banche la comunità deve restare ma ogni STATO deve tornare alla sovranità monetaria. L’euro resterà solo per gli scambi internazionali. Bankitalia deve tornare agli italiani e creare una banca di stato. Ie private banche devono restare libere imprese

  • Emiliocarcano@gmail.com 14 ottobre 2018

    Grazie Saverio x il tuo parere mi ha fatto molto piacere che una persona che non ha votato questo governo lo abbiia difeso

  • eziocaccia@gmail.com 9 ottobre 2018

    Speriamo quanto prima crolli questa inutile Europa che non fa altro che boicottare il nostro bel Paese per altro amato da tutti gli stranieri che lo visitano ogni anno.
    Tutti vogliono dare lezioni di politica e di vita all’Italia, guardino a casa loro, non abbiamo bisogno dei loro suggerimenti.
    Il popolo è sovrano quindi avanti cos’

    • Vannipir@aol.com 10 ottobre 2018

      Prima crolla e meglio è,così ci liberiamo
      Degli ubriaconi e ladri che sono s Bruselles

  • namomi76@gmail.com 6 ottobre 2018

    sarebbe ora così com’è l’europa è una gabbia che ha impoverito tutti . benvenga il crollo!!!!!!!!!!!

  • max.bialystock@libero.it 5 ottobre 2018

    a parte che sarebbe l’unica salvezza possible e non solo per l’Italia…
    ma se crollerà anzi da come la vedo io quando crollerà la colpa sarà dell’euro
    una trappola mortale non solo per le nazioni depredate ed immiserite
    ma anche per le predatrici…va male anche per loro perchè comunque il popolo è impoverito.
    L’euro è una trappola.

    • Stefania38@hotmail.de 27 ottobre 2018

      Condivido

  • gdetoffoli@yahoo.it 5 ottobre 2018

    Ora è chiara la piena adesione di Moscovici alla linea di Davos, dove albergano tutti i potentati economico-mafiosi del mondo occidentale esclusa l’America smarcata da Trump che infatti è sotto aggressione degli establishment di stampa ed associazioni di succhia sangue, sfruttatori nullafacenti mantenuti dalle tasse del popolo come attori & compagni, sì esattamente come da noi in euro-pa !
    Appare tutta l’efficiente macchina mondiale trasversalmente disegnata, le moderne colonizzazioni di cui l’Europa dovrebbe fare parte, sotto la guida gestita da francesi unici detentori della bomba atomica ! Il pd sparito in attesa di ripresentarsi rinforzato da tutte le presidenziali manovre, il sostegno trasversale (Davos) all’invasione nera con nave mediterranea finanziata anche da Niki Vendola, siii,proprio quello, ora draghi va a trovare mattarella, fanno tombola. Tutti a designare scenari foschi contro l’Italia se non ubbidisce, e TUTTO gira intorno al massacro del nostro paese obbligato a raccattare l’intera africa, mattarella minaccia la ‘carta’ come la chiama lui la Costituzione nella quale nulla è detto dell’imposizione che il presidente indica con una evidente violazione ( e TRE ) dei limiti del suo incarico quasi a termine con la letterina di raccomandazioni, sì il presidente fa le lettere di raccomandazioni sperando nella debolezza di Conte ? Vedremo !

  • 4 ottobre 2018

    La Sovranità sarà la salvezza di Italia, lei pensi a la tua Francia…non siete santità!!!!

  • 4 ottobre 2018

    Il vero patriota vuole la Sovranità!! La nostra bellissima storia quando i nostri antenati abitavano in palazzi i vostri Francesi vivevano in case di erba…ultimamente siamo caduti, grazie al Euro Zone, ma un giorno nel futuro Italia (la signora) sarà di nuovo grande…

  • mauro@mgrmoda.com 4 ottobre 2018

    … francesiello c*******…vedrai a MAGGIO 2019…DOVE TI RITROVERAI… A LAVARE I PIATTI A…CAFE’ DES ITALIENS… PER NOI… ITALIANI… E MI SERVIRAI 12 OSTRICHE LISCE …SENZA LIMONE CHE TANTO SCANDALIZZA VOI SUPERCHECCHE FRANCAISES… ED ORDINERO’ UN… CHAMPENOIS…ITALIANO!!!…

  • mariafaustadm@hotmail.it 4 ottobre 2018

    Sono d’accordo!

  • guido55@libero.it 4 ottobre 2018

    Salvini, Orban e mi auguro prossimamente Le Pen hanno ricevuto un mandato democratico dal popolo. Quindi che diamine vuole questo individuo? Se la volontà popolare si esprime in un certo modo ci sarà pure una ragione ed allora piuttosto che farneticare ci si chieda perchè si sia arrivati a questo. Ma probabilmente la risposta sarebbe la loro stessa condanna e quindi meglio attaccare in maniera del tutto sconsiderata chi invece cerca di rispondere, democraticamente, agli sfasci di questi pseudo politico-intellettuali europei.

    • malagutiemigliore@libero.it 7 ottobre 2018

      Senza richiamarmi ad accattivanti nazionalismi patriotici, sempre sbagliati in quanto espressione di un pensiero radicale e troppo circoscritto, sono pienamente d’accordo con Guido 955. Sbagliata o giusta che si dimostrerà la linea del Governo Giallo-Verde (che peraltro io non ho votato), trovo del tutto giusto sostenere che altro non sia se non mantenere le promesse di una politica anti europeista (quantomeno secondo i termini dell’attuale Europa) e che un popolo sovrano ha deciso di intraprendere. Trovo quindi l’azione europea contro l’Italia, non solo errata (quantomeno perché esagerata in termini di scenari), ma anche del tutto incompatibile con il concetto di dempcrazia. Se il popolo italiano ha deciso in un senso contrario all’Europa, la soluzione non è tanto quella di demonizzarlo. Ma piuttosto quella di comprendere il seguente concetto: se l’Europa esiste, può esistere solo se è un vero gruppo. Ed in un gruppo, quando si prospettano divergenze gravi, ciò accade sempre per delle ragioni. E su queste bisogna lavorare. Diversamente, o si rompe il gruppo, o ci si impone ai ribelli. Ma non esiste alcun collettivo che possa sperare di avere un futuro sulla scorta di azioni di imposizione. Non sapendo ciò che accadrà, per il momento posso solo dire questo: la ferocia degli attacchi di Francia e Germania altro non sono che la prova dell’importanza dell’Italia. Un’importanza che, spesso, noi italiani non vediamo. Ma che in realtà c’è. D’altra parte, e cito una grande giornalista connazionale, non è revocabile in dubbio che “l’Italia è un paese che ha così tanti difetti da poter aprire un banco al mercato, ma è anche vero che è l’unico paese che è sempre stato capace di trovare l’antidoto dei suoi più gravi problemi”. L’Italia è un paese tanto piccolo, quanto grande. Ma soprattutto….è diverso da tutti gli altri. E questo vorrà pur dire qualcosa. Diamoci dentro! Muoviamo lo stagno dell’Ue lanciando nelle sue acque pietra dopo pietra. E comunque, abbiamo il diritto di farlo. Perché il governo attuale, che io non ho votato, è stato scelto da una maggioranza che io devo rispettare. E se ci riesco io, proprio non riesco a capire come non siano capaci di riuscirci Junker e quel tizio che ha un nome che non so scrivere e che inizia con “mosca”.
      Forza ragazzi. Forza governo che non ho votato, ma che il mio paese ha votato!!!
      Saverio

      • Sangesnicoluccio@gmai.com 11 ottobre 2018

        Saverio. Sei una graniente persona. Sei ĺunica persona che nn ci a votati.ma ai una dignità. Che anno nn molte persone.io come italiano. Ti ringrazio di tutto quello che ai detto.bravo. Ciao ciao

      • Croce5537@gmail.com 30 ottobre 2018

        Sono in tutto e per tutto d’ accordo con te, anche se io ho votato per questo governo giallo verde. Pertanto ritengo giusto che una nazione, un popolo decida il proprio destino.

  • masterkey@tin.it 4 ottobre 2018

    I francesi, proprietari insieme ai tedeschi del brand UE, giustamente si preoccupano del futuro della “ditta”.

  • Giuseppe Tolu 4 ottobre 2018

    Lo dicevo io, faranno crollare tutto perché ormai non riescono più a cavarne piedi, ormai le briglie son sciolte e i cavalli non li ferma più nessuno, e la colpa? Dell’Italia naturalmente!

  • roccoangela60@yahoo.it 4 ottobre 2018

    Ma magari!!!sarebbe la salvezza dell’Italia padrona finalmente di se stessa!