Manovra, Gasparri: «Smascherato il governo, sarà macelleria sociale»

«La manovra economica si rivela sempre più penalizzante per i cittadini. Tria, dopo che l’Ufficio parlamentare per il bilancio ha smascherato le bugie del governo, ha dovuto ammettere altre verità. Si prevedono, nel 2019, più di otto miliardi di nuove entrate. Traduzione, altre tasse a carico degli italiani. Ben otto miliardi in più. Altro che taglio delle tasse». Il senatore di Forza Italia,  Maurizio Gasparri spiega che «ci sono poi sette miliardi di tagli da fare che diventeranno macelleria sociale e altre penalizzazioni per i cittadini. Altre bugie erano state dette in materia di Flat tax. Intanto era limitata soltanto a una parte delle partite Iva e non a tutti i cittadini. Si è parlato di un miliardo e settecento milioni nel 2019, cifra esigua per uno shock fiscale che richiederebbe ben altre risorse, ma in realtà nel 2019 per la Flat tax ci saranno appena seicento milioni. Morale, il taglio delle tasse non c’è ma anzi si prospetta un aumento vistoso delle entrate fiscali e un taglio delle detrazioni per capitoli delicati come i mutui sulla casa, le spese per la salute e le spese per l’istruzione». Il senatore azzurro conclude: «Siamo ad una vera e propria tragedia, a una macelleria sociale che viene poi realizzata mettendo a repentaglio la reputazione dell’Italia e esponendoci a reazioni a livello internazionale. È un governo che oramai ha come simbolo Toninelli. Incapacità, ignoranza, irresponsabilità», conclude il senatore azzurro.