Manovra, Brunetta: «Nella lettera all’Ue il governo ha mentito»

lunedì 22 ottobre 15:13 - di Redazione

«Ore 12, il governo italiano spedisce la lettera di risposta sulle osservazioni inviate venerdì scorso a Roma dalla Commissione Europea. La puntualità della risposta è però l’unica buona notizia». Renato Brunetta stronca la lettera del governo sulla manovra alla Commissione Ue, sottolineando che «la notizia vera è che l’esecutivo ha ammesso esplicitamente di essere andato volontariamente contro le regole europee di finanza pubblica, lasciando già intendere che è disposto ad accettare la bocciatura della manovra da parte della Commissione europea nella riunione prevista per domani».

«L’altra notizia di rilievo è quella che il governo ha messo per iscritto che intende impegnarsi a “ricondurre il saldo strutturale verso l’obiettivo di medio termine (pareggio di bilancio) a partire dal 2022″», ha proseguito il deputato e responsabile del Dipartimento della politica economica di Forza Italia, parlando di «una frase aleatoria che non riporta per nulla l’informazione che la Commissione voleva sapere, ovvero l’anno in cui il governo prevede di raggiungere il pareggio di bilancio, condizione necessaria per far finalmente diminuire sostanzialmente il rapporto debito/Pil». «L’Italia resta così l’unico Paese dell’Unione europea a non aver definito un percorso che porti all’azzeramento del deficit, allontanandosi dall’obiettivo che si erano prefissi i precedenti governi, ovvero quello di raggiungerlo entro il 2018, prima che il termine fosse fatto slittare al 2020», ha sottolineato ancora Brunetta, per il quale «va inoltre sottolineata la menzogna scritta dal governo nella lettera relativa alla ripresa della riduzione del deficit a partire dal 2020».

«Come abbiamo già dimostrato più volte – ha quindi puntualizzato l’esponente azzurro – il deficit nel 2020 è maggiore, in valore assoluto, di quello del 2019. Quindi, non è vero che il deficit diminuisce, ma aumenta. Rimane poi la considerazione sul fatto che il governo abbia ammesso di aver lasciato a bilancio 13,6 miliardi di euro di clausole di salvaguardia sull’Iva ancora da disinnescare, che non può far finta di non conteggiarle, dopo che il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte aveva detto che il deficit previsto per il 2019 partiva già dalla soglia del 2,0%, per via delle clausole». «Questa dichiarazione – ha concluso Brunetta – ha reso del tutto evidente che per l’esecutivo il non aumento delle aliquote Iva è un diritto acquisito di fare maggior deficit e, quindi, per il 2020, il deficit programmatico è in realtà più elevato, pari al 2,9%».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • raffword@gmail.com 23 ottobre 2018

    Adda passa a nuttata Cordiali Saluti

  • raffword@gmail.com 23 ottobre 2018

    Coraggio. Beviamo fino in fondo l amaro calice legastellato.

  • michelericciardi.mr@gmail.com 23 ottobre 2018

    23 Ottobre 2018 — Se provassimo a chiederci il perchè neanche la commissione europea dice al nostro governo “del cambiamento”, dove può trovare i soldi mancanti per le coperture (…) vuol dire che … Dio Dio, Tu non ai mai dato la carne a chi non ha i denti e ora dove sei?… Un altro diluvio o un altra pioggia di fuoco… O no.

  • michelericciardi.mr@gmail.com 22 ottobre 2018

    22 Ottobre 2018 — Per quanti anni e per quante volte abbiamo sperato sognato desiderato, che arrivasse qualcuno che mettesse mano agli sprechi, alle ruberie, ai privilegi assurdi e agli arricchimenti illeciti, e che non è arrivato mai; e ora, che anche il governo antisistema del popolo vuole fare lo stesso, per me è inconcepibile! Altro che coperture ci sono lì, ma si vede che solo Dio potrebbe, se ci fosse.

  • Laura Prosperini 22 ottobre 2018

    beh certo Brunetta che ha Governato per anta anni con quei risultati…
    mi sembra l’esperto più autorevole da ascoltare per diminuire il defici e sopratutto per rilanciare l’Italia e sviluppare il PIL
    come no???