L’ultimo delirio della Kyenge: «In Italia c’è l’apartheid». Meloni: «Chieda scusa» (video)

mercoledì 3 ottobre 16:45 - DI Gigliola Bardi

In Italia c’è «l’apartheid», i «partiti populisti» hanno indotto «alcune persone a dare la caccia al nero», il governo attuale «ha fatto della segregazione un suo modo di essere». A spiegarcelo è Cecile Kyenge in un video prodotto per annunciare la sua partecipazione alla manifestazione del Pd che si è tenuta il 30 settembre. Caricato in rete il 26 settembre, il video non ha riscosso questo grande successo: in otto giorni, intorno alle 16.30 del 3 ottobre, sul canale youtube del Pd, è stato visualizzato da 790 persone. Lo stesso, però, il filmato è stato notato da Giorgia Meloni, che lo ha rilanciato sulla propria pagina Facebook, chiedendo formalmente all’europarlamentare ed ex ministro delle scuse nei confronti degli italiani.

«Le parole della Kyenge in questo video sono gravissime. Secondo l’eurodeputata in Italia ci sarebbe l’apartheid. La Kyenge chieda SCUSA (in maiuscolo nel testo originale) agli italiani per questa vergognosa offesa nei confronti dell’intera Nazione!», ha scritto la leader di FdI, postando un filmato che lascia davvero perplessi, per i toni, per i contenuti, per la sfacciataggine con cui una eletta nelle istituzioni europee diffonde fake news dannose per il Paese come si trattasse di verità incontrovertibili. E, non di meno, per la leggerezza con cui una persona che ha ricoperto ruoli di grande responsabilità nazionale usa parole che hanno significati molto precisi come «apartheid», induzione alla «caccia al nero», «segregazione».

Il post di Giorgia Meloni

Il videomessaggio completo

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • roccoangela60@yahoo.it 4 ottobre 2018

    Si è vero,ma l’apartheid…. è rivolto agli Italiani che subiscono flussi incessanti di musulmani agguerriti, pretenziosi e arroganti!!!

  • giorgio.precetti@alice.it 4 ottobre 2018

    Delirio nero. Non ne possiamo più delle sue cavolate-

  • Giuseppe Forconi 4 ottobre 2018

    Si parlava di giudici e di giustizia, per questo non esistendo ci ritroviamo tra i marroni, la Kyenge. Strilla strilla ma non parte ,segno evidente che qui’ sta bene spalleggiata dai comunisti, almeno stesse zitta.

  • sierragulf.net@tiscalinet.it 4 ottobre 2018

    Faccia tosta….questa raccolta da un barcone e accolta in Italia dove ha potuto persino laurearsi ..lasciata pure dal marito…..non sente neppure vagamente il bisogno di ringraziare per tutto quello che l’Italia gli ha concesso…!!
    No….questa ” stupida laureata ” blatera solo offese nei confronti del paese che l’ha accolta.
    E a proposito della data che lei vorrebbe fosse dedicata ai migranti…..IO vorrei invece che fosse stabilita una data per commemorare degnamente l’eccidio di Kindu del 11 e 12 novembre 1961 nell’ex Congo belga, dove furono trucidati tredici aviatori italiani, facenti parte del contingente dell’Operazione delle Nazioni Unite in Congo ….smembrati e venduti al mercato come quarti di manzo.
    E farla commemorare anche alla signora che blatera sciocchezze…….

    • alicesacco@libero.it 16 novembre 2018

      Non è stata raccolta da un barcone. E’ arrivata qui per studiare e si è fermata.
      A parte questo non mi risulta che in Italia ci siano scuole per soli bianchi. Non mi risulta che in italia i neri devono camminare dall’altra parte della strada per non incrociare i bianchi. Non mi risulta che in Italia, sui mezzi pubblici i neri devono alzarsi per far sedere i bianchi. Inoltre la stessa Kyenge parla tranquillamente in un partito a maggioranza bianca, quindi c’è solo da chiedersi che cosa si è fumata.

  • algugli@hotmail.it 4 ottobre 2018

    se non vi piace questo paese, se dite che qui c’è razzismo, ritornatevene da dove siete venuti e non rompeteci più i gabbassissi

  • ftrohxxajdk@tenypk.com 4 ottobre 2018

    e questa campa (bene) alle spalle degli Italiani grazie al PD. Ma non c’è modo di rimandarla in Congo ?

  • crmelettronica2@live.it 4 ottobre 2018

    Non ti piace L’Italia? Siamo razzisti sporchi e cattivi? Tranquilla nessuno ti trattiene anzi, mi chiami, organizzo una colletta e ti porto direttamente io a Fiumicino dove troverai un centinaio di persone che, a pagamento, ti chiederanno in lacrime di rimanere così farai la tua bella figura, e poi via verso altri lidi!
    Così finalmente potremo dire che anche l’Italia si avvia a diventare un paese civile!

  • morreni.antero@gmail.com 4 ottobre 2018

    Siamo al puro delirio …

  • Giuseppe Tolu 3 ottobre 2018

    Perché se dico a mio fratello che dice una certa cosa, per me sbagliata, ti prendo a calci in cu@o va bene

    • Giuseppe Tolu 3 ottobre 2018

      E se lo dico invece a questa persona è razzismo?

  • claudia.pittol@libero.it 3 ottobre 2018

    È poi chi sarebbero quelli che spargono odio? Ora arriviamo veramente dell’assurdo, ma hanno collegato il cervello quando parlano questi “signori politici” ma si rendono conto dei paragoni assurdi che fanno? Se è una stategia politica è penosa se lo pensa veramente che cosa posso dire per non incriminarmi…….. ridicola?

  • 3 ottobre 2018

    Ma questa persona e fuori della realta!!

  • gdetoffoli@yahoo.it 3 ottobre 2018

    Questa negra (secondo il zingarella e la treccani) è stata miracolata dall’Italia. Se continua a sputare su di noi, espellere dall’Italia insieme a quella mezza tribù in compagnia di sua sorella, che manteniamo ! Offendere il paese che ti mantiene è gravissimo per un comportamento simile ti buttano fuori da qualunque azienda, figurati da un paese !