Lo sport migliore per i ragazzini? Vanno assecondati i loro desideri

Riceviamo da Alessandro Bovicelli e volentieri pubblichiamo:

Caro direttore,

premesso che il movimento già da piccoli è fondamentale ed è sinonimo di salute, entro ottobre bisogna cercare di decidere l’iscrizione del proprio figlio ad una qualche attività sportiva passato il momento cardine dell’inizio della scuola. Ci sono alcuni genitori che tendono ad assecondare i figli e altri che vorrebbero razionalizzare la scelta tenendo conto di quelle che sono le caratteristiche del ragazzino. Ma è sbagliato, il bambino o ragazzino va assecondato a seconda dei suoi desideri. Se vuole stare sempre dentro l’acqua facciamogli fare nuoto che fa benissimo ed è tra gli sport più completi , se ama il calcio o il basket vanno benissimo entrambi perché lo spingono a stare in gruppo, a confrontarsi con gli altri  e nello stesso tempo sono attività fisiche che muovono tutto il corpo, come perché no anche il tennis. L’importante è che il ragazzino faccia movimento nello stesso tempo divertendosi a quest’età.