La Ue boccia la manovra dell’Italia: seria preoccupazione per il deficit

Due pagine da Bruxelles, in risposta alla lettera del ministro Tria che illustrava all’esecutivo dell’Ue i capisaldi del Def, per dire no alla manovra dell’Italia. Questa la risposta della Commissione europea dopo un braccio di ferro andato avanti per giorni a suon di botta e risposta tra il governo italiano e i commissari Ue.

Il Def a prima vista sembra costituire una deviazione significativa dal percorso di bilancio indicato dal Consiglio Ue il che è motivo di seria preoccupazione“, scrivono il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis e il titolare agli Affari economici Pierre Moscovici. Che aggiungono: “Chiediamo alle autorità italiane di assicurare che la manovra sia in linea con le regole fiscali comuni” della zona euro. A questo punto se la manovra non sarà corretta entro il 15 ottobre, data entro la quale deve essere ufficialmente notificata a Bruxelles, il rischio di una procedura di infrazione si fa per il nostro Paese molto concreto.