Il nigeriano ferito da Traini nel raid di Macerata finisce in manette. Di nuovo

domenica 21 ottobre 12:38 - di Martino Della Costa

Ormai è famoso, almeno tra gli agenti delle forze dell’ordine e tra i magistrati che con lui hanno a che fare, praticamente ininterrottamente: fatto sta che il nigeriano ferito da Traini nella spedizione punitiva messa in atto a Macerata nel febbraio scorso è stato arrestato ieri nuovamente per spaccio. Lo straniero, appena un mese fa, era stato intercettato e sottoposto a dei controlli anti-droga dagli agenti che poi pensò bene di aggredire brutalmente a calci e pugni

Il nigeriano ferito da Traini nel raid di Macerata di nuovo in manette

Nuovi fermi, stessa violenza: ci risiamo. Ancora ieri, un’operazione anti droga condotta dalla polizia di Macerata si è conclusa con l’arresto, (un altro…) di Gideon Azeke, il 27enne nigeriano salito ai disonori della cronaca per essere stato uno dei sei stranieri feriti nel raid compiuto da Luca Traini lo scorso 3 febbraio. Ma stavolta spedizioni punitive e questioni interrazziali non c’entrano assolutamente nulla con l’ultimo fermo dell’extracomunitario, questa volta concluso su disposizione del gip di Macerata Rosanna Buccini dopo che l’immigrato nigeriano è stato fermato con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti. Ancora. Già, perché come noto a chi segue la cronaca di rilevanza non solo prettamente locale, lo straniero era già finito in manette per resistenza e violenza a pubblico ufficiale appena un mese fa: in molti ricorderanno infatti che lo scorso 17 settembre – come ricordano in queste ore sia il sito del locale Il picchio, sia quello de il Giornale che rilanciano la notizia del nuovo fermo del giovane nigeriano – «nell’ambito dell’operazione “Scuole sicure”» il nigeriano aveva aggredito con ferocia inaudita «gli agenti in borghese che volevano sottoporlo ad un controllo, prendendone due a calci e pugni e ingoiando un involucro contenente, probabilmente, droga». I due poliziotti violentemente aggrediti, va detto, finirono in ospedale da cui uscirono con una prognosi di lesioni guaribili in giorni 15 ciascuno…

Aveva patteggiato sul primo fermo ed era tornato in libertà. Fino a ieri

In quel caso, l’uomo aveva poi patteggiato una pena a un anno e 10 mesi, tornando in libertà con l’obbligo di firma. Ma le indagini, come registra puntualmente il quotidiano milanese diretto da Sallusti, «coordinate dal procuratore Giovanni Giorgio e condotte dalla Squadra Mobile sotto la direzione di Maria Raffaella Abbate, hanno accertato numerose azioni criminali, circa 80, da parte dello straniero e tutte legate a cessioni di eroina fin dall’ottobre 2017 e continuate anche dopo il fermo del mese scorso». Un monitorato speciale particolarmente attivo, insomm,a il nigeriano 27enne, che ieri, grazie alle numerose prove raccolte nel corso delle indagini incessantemente portate avanti dagli inquirenti, è nuovamente tornato ad essere destinatario di una misura cautelare emessa dal giudice Giovanni Manzoni. Dunque, gli agenti  della Squadra Mobile – probabilmente stavolta preparati ulteriormente, visti i precedenti, alle possibili reazioni inconsulte dell’extracomunitario – sono andati a prelevare il nigeriano nel parco di Fontescodella, luogo dove lo straniero risultava solito accamparsi e bivaccare, e l’hanno accompagnato nel carcere a di Montacuto ad Ancona, lo stesso istituto di pena in cui è detenuto anche Traini, condannato solo pochi giorni fa a 12 anni di cella.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • paolo. 23 ottobre 2018

    di distanzza: “SONO TUTTI DEI LORO” in fede , mi firmo
    paolo rospo

  • giuliano 22 ottobre 2018

    taiani 16 anni in primo grado, per aver cercato e ferito spacciatori della mafia nigeriana, invece di dargli una medaglia, in quando stato volutamente assente, politica kalergi, invece di rimpatriaRLI li liberano, poi delinquono nuovamente, lòi riprendono e continuiamo a spendere per gente clandestina, che non doveva essere lasciata libera di circolare , ma rimpatriata.

  • sergio 22 ottobre 2018

    Rimandatelo in Nigeriaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!

  • Un patriota 22 ottobre 2018

    Vorrei sapere cosa si aspetta a rispedire questo criminale da dove è venuto! Quanta droga dovrà ancora spacciare? Ib galera dobbiamo anche mantenerlo. Peccato che quando la volta precedente che è stato beccato ed ha ingoiato un pacchetto di qualcosa, non sia andato in overdose.

  • Gran Turco 22 ottobre 2018

    ASPETTIAMO CHE SALVINI PRENDA IN CONSIDERAZIONE QUESTA
    SITUAZIONE INCREDIBILE!!!

  • alberto 22 ottobre 2018

    Altra “risorsa” della “boldrina”: povero Traini! Ce ne vorrebbero parecchi…..! Contenti i giudici e gli avvocati che trovano ogni giorno qualcosa da fare! Ci vorrebbero davvero un migliaio di Poliziotti come in America! Ma noi abbiamo “c*****” politici “patentati” e c’è pure qualche sprovveduto che li vota! Fuori gli stranieri di nascita, tutti, e tornino a casa loro che qui hanno già “gozzovigliato” abbastanza! Altro che villa di Renzi: mandiamoli a casa di tutti quelli che hanno votato, a suo tempo, per fare accoglienza di tali delinquenti!

  • Laura 52 22 ottobre 2018

    Ripeto. Se non ricordo male più di 15 anni fa fu fatto un referendum su vari argomenti. Uno dei quesiti referendari chiedeva agli italiani se ritenevano che i magistrati fossero responsabili degli errori che commettevano e dovessero quindi risponderne a livello pecuniario. La maggioranza dei votanti rispose affermativamente. Che fine ha fatto questo referendum? La volontà degli italiani viene rispettata solo quando fa comodo ai soliti noti?

  • Silvia 22 ottobre 2018

    Due pesi e due misure. Sempre a danno di noi Italiani.

  • Lisetta Serra 22 ottobre 2018

    Però ora basta attenuanti. Farlo uscire subito dal nostro paese. É un pericolo è un costo che gli italiani non vogliono più pagare e con lui tutti quelli che delinquono

  • Francesco Ciccarelli 21 ottobre 2018

    Sono le notizie che fanno invidiare la polizia americana.

  • Claudia 21 ottobre 2018

    Posso dire che schifo? O anche questo è razzismo?

  • Pino1° 21 ottobre 2018

    Tranquilli, il negro violento della Presidenta lo rilasciano in due minuti come le altre volte: La polizia rischia la vita e lo ammanetta la magistratura non rischia un c… e lo manda libero ! Chemmondodimmmm…..

  • Ivan 21 ottobre 2018

    Se ho capito bene Traini che ha ferito 6 persone viene condannato a 12 anni di prigione.
    Questa bestia nigeriana cha da anni slpaccia e aggredisce tutti, compresi i tutori della legge viena lasciato libero di continuare a delinquere.
    Non mi pare giustizia.
    Cambiare le leggi e mettere in galera i magistrati che sbagliano.