Il Brasile vota e Bolsonaro si sente la vittoria in tasca. Tutte le tappe della sua ascesa

Candidato populista di estrema destra, Jair Bolsonaro è in testa a tutti i sondaggi per le elezioni presidenziali brasiliane di oggi con il 35% delle preferenze, grazie ad una retorica nazionalista, provocatoria e incendiaria con la quale promette di fare piazza pulita di delinquenti e corrotti, che s’ispira al presidente americano Donald Trump ma anche a quello filippino Rodrigo Duterte. Candidato del piccolo partito Social-liberale, Bolsonaro – che è convinto di poter vincere al primo turno evitando il ballottaggio del 28 ottobre – fa di secondo nome “Messias” e una importante fetta dell’elettorato lo considera un salvatore della patria, mentre l’altra parte del paese lo detesta.

L’attentato subito il 6 settembre, quando è stato accoltellato da uno squilibrato, non ha…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi