Gesù dem che esorcizza da Salvini, la vignetta di Staino nella bufera: social in rivolta

«Mezza ora di Salvini in diretta…renderebbero indemoniato anche un bove!»: sarebbe Gesù a parlare – nella vignetta firmata Staino, che non è piaciuta ai social – dopo aver esorcizzato una bambina posseduta dal demonio per aver guardato un programma che trasmetteva l’intervista al leader del Carroccio. È solo l’ultima caduta di stile in cui incappa un vignettista dal blasone rigorosamente progressista, che ha dimostrato di oltrepassare il Rubicone che separa la satira dall’acredine. Cosa che ai lettori non è piaciuta…

La vignetta di Staino sull’Avvenire finisce all’indice sui social

La sua ultima vignetta per Avvenire, infatti, più che offensiva sul piano etico-religioso è risultata di cattivo gusto, dunque non è piaciuta a molti, ed è stata letteralmente bersagliata dalle critiche social che, in una sorta di tam tam rimbalzato dai post ai tweet, dai blog ai siti sul web, hanno messo alla berlina il fumettista e all’indice le strisce incriminate, tanto da indurre Staino a interrompere la collaborazione con il quotidiano, e come ricordato, tra gli altri, da il Giornale in un servizio che riprende il caso mediatico e la polemica social che ne è conseguita, il fumettista toscano ed ex direttore de l’Unità si sarebbe accomiatato dal quotidiano della Conferenza episcopale italiana mettendo nero su bianco, in una lettera indirizzata al direttore Marco Tarquinio, «Non te la prendere troppo: ci abbiamo provato». E per provarci, è vero, ci ha provato Staino, e a più riprese: la vignetta del Gesù rivisitato dalla sua matita che “monda l’anima” della bambina indemoniata semplicemente spegnendo la tv che trasmette un comizio del ministro dell’Interno, infatti, è solo l’ultima di una delle diverse produzioni del vignettista ateo in prestito “sui generis” all’Avvenire, sommersa dalle critiche.

E il vignettista ateo si congeda dal quotidiano della Cei

Tanto è vero che è lo stesso fumettista, nella missiva di congedo spedita al direttore e riportata da il Giornale, a rilevare: «Le voci dissonanti, a volte al limite della volgarità, sono troppe e investono, sfruttando strumentalmente il mio lavoro, la tua figura, il valore del giornale da te diretto, fino, oserei dire, colui che oggi guida il mondo cattolico». Ma si sa, chi di invettiva ferisce, di invettiva perisce: e così, incassato il rammarico per la fine di una collaborazione, stroncata nei fatti dagli utenti social e dai lettori, lo stesso Tarquinio non può che dirsi «dispiaciuto» – per quanto non del tutto sorpreso – e congedare il vignettista che, magari, da adesso in poi troverà un pulpito più consono alla sua satira, e dunque più vicino alla sua sensibilità umoristica e politica, e cosa più importante ancora, più vicina a quella dei lettori a cui si rivolge; un pulpito, insomma, dal quale esprimersi senza offendere o far storcere il naso al target di riferimento…