Gelmini: «Non ci arrendiamo a grillismo e sovranismo, siamo l’altra Italia»

martedì 2 ottobre 12:45 - DI Giorgio Sigona

«Forza Italia non si arrende, guarda avanti. Non cerca spazio in partiti unici che non hanno ragione di esistere…». In una conferenza stampa a Montecitorio Maria Stella Gelmini presenta Idee Italia, la voce del paese, la tre giorni di dibattiti incontri e tavole rotonde in programma a Milano dal 5 al 7 ottobre. Di fronte alle continue voci di parlamentari azzurri pronti a seguire le sirene leghisti, la presidente dei deputati forzisti prova a dare la carica ai suoi e a serrare i ranghi, in vista dell’assemblea di gruppo di mezzogiorno, dove farà il punto sulla linea politica. Il rischio di salvinizzazione del partito c’è: nonostante le smentite, il corpaccione di Fi sbanda per le forte tensioni tra l’ala filo governativa sempre più convinta della necessità di un partito unico o almeno di un nuovo contenitore di stampo sovranista e moderato, e gli ortodossi berlusconiani, pronti a rivendicare con forza la propria autonomia dalla Lega. «Noi vogliamo guardare al futuro e aprire un varco a Fi. Noi vogliamo – avverte Gelmini – che Fi si ritagli uno spazio tra il populismo statalista dei Cinquestelle e il sovranismo». Seduti accanto a lei ci sono Giorgio Mulè, portavoce unico dei gruppi, il responsabile organizzativo del partito, Gregorio Fontana, il presidente della Vigilanza Rai Alberto Barachini, Matteo Perego. L’ex ministro indica la strategia per “liberarsi” dalla morsa M5S-Lega: «Fi si apre alle liste civiche, alla cosiddetta Altra Italia, a tutti coloro che non condividono l’azione di questo governo. Noi rappresentiamo l’Altra Italia, chi non vuole il populismo grillino e il sovranismo».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • paologiammancheri@gmail.com 3 ottobre 2018

    Non mi pare di avere notato alcuna critica da sinistra nei confronti dell’operato del sindaco di Riace il quale,secondo il sottoscritto, meriterebbe di ricevere una di quelle bellissime ed efficacissime proposte che non si possono rifiutare.. Non solo costui ha commesso quanto meno abuso di ufficio mediante frode contro la pubblica amministrazione,ma a mio parere, anche il reato di alto tradimento ; e quant’altro i magistrati inquirenti riterranno opportuno di ravvisare.
    Altro che bunga-bunga! Questo è truffa e favoreggiamento della prostituzione, o carissimi fessi denigratori di Berlusconi ( che io non ho mai votato)! Ma fate notare tutto ciò anche alla Boldrini che ama sdrusciarsi con elementi di tanto dubbia correttezza e moralità.

  • gibiasiotto@libero.it 3 ottobre 2018

    Durante il governo Berlusconi la disoccupazione dimezzata, l’immigrazione irregolare azzerata, la povertà molto diminuita con la pensione di 500 euro agli anziani privi di reddito, l’aumento rapido del numero delle aziende, la riduzione delle tasse per 10 miliardi, il ritorno in Italia dei capitali, la diminuzione degli incidenti mortali con la patente a punti. Ma la magistratura politicizza lo ha perseguitato, il PD lo ha escluso dal parlamento, gli amici come Fini lo hanno tradito. Berlusconi ritorna! Ti appoggeremo con tutte le nostre forze.

  • Roccoangela60@yahoo.it 3 ottobre 2018

    Siete dell’Italia che viene umiliata dalla UE,che si sottomette a Bruxelles,siete dell”Italia Delle banche,della BCE,e siete …non a favore del cittadino italiano vessato e spremuto come un limone da tasse ingiuste…

  • abramo.deangelis@hotmail.it 3 ottobre 2018

    Lasciate che vadano con Renzi e poi a ramengo.

  • mariosmanca35@gmail.com 3 ottobre 2018

    Mi sa che qui ci sono troppi antiberlusconiani che si sono fatti infinocchiare dai processi-farsa delle sinistre. F.I. ha perfettamente ragione. Qui purtroppo il traditore (ammetto anche in buona fede) è proprio Salvini, che è caduto come una pera cotta nella trappola di Di Maio e delle sue stramaledette Cinque Stelle, che sono l’altra faccia della stessa falsa medaglia PD (bidet).
    Mario Salvatore Manca

  • Elettrodomotica@gmail.com 3 ottobre 2018

    Penso che adesso c’è un governo che sta facendo gli interessi degli italiani per davvero, mi sembra da stupidi credere ancora alla vecchia politica.

  • carlo.cervini@venetolavoro.it 3 ottobre 2018

    Carissima On. Gelmini, per recuperare il consenso, bisogna salvaguardare l’unica vera ricchezza del Paese, il risparmio privato di cui è stato fatto strame negli ultimi 10 anni da parte di uno Stato tanto ladrone quanto infame. Un esempio: nel 2007/08 c’erano 2,4 milioni di azionisti delle banche + altri 5 milioni di obbligazionisti per un valore mobiliare di 2 volte il debito pubblico……….ebbene i loro sudati risparmi sono stati polverizzati oltre a 50/60 miliardi di aumenti di capitale. Nel settore immobiliare la perdita di valore è di oltre il 50% tra i 5 e i 6.000 miliardi volatilizzati eche non torneranno mai più………………adesso è chiaro perchè oltre il 40% degli italiani rifiuta il voto.

  • adriano.agostini@fastwebnet.it 3 ottobre 2018

    Allora siete destinati a scomparire. Il sovranismo è come il Risorgimento dell’800: è la prerogativa del terzo millennio. In tutto il mondo.

  • Rodolfo Ballardini 3 ottobre 2018

    Gelmini patetica. Fuori dal tempo. Berlusconi si convinca che è ora di tornare a casa. Se poi pare passare la palla di forza italia al tajani di turno…orza politica da sciogliere.

  • enzopardini52@gmail.com 3 ottobre 2018

    Sarete destinati a scomparire, abbiamo visto è ancora paghiamo i danni che ha fatto il cavaliere facendo tutte leggi iniquie e di parte…

  • cernovog@libero.it 3 ottobre 2018

    Forza Italia è l’altra faccia della stessa falsa medaglia coniata PD.

  • gabrygood@yahoo.it 2 ottobre 2018

    QUESTA E’ UNA SPALLA DEL PLURI-CONDANNATO, PERCIO’ LE SUE PAROLE SONO ARIA FRITTA, L’ALTRA ITALIA L’ABBIAMO PROVATA SULLA NOSTRA PELLE ED È STATA UN’ESPERIENZA TREMENDA E VERGOGNOSA.

    • riandree@yahoo.com 3 ottobre 2018

      Lei sta parlando di renzi vero? Perché altrimenti parla per ignoranza perché non c’era e si è bevuto la propaganda.

  • german.arte@virgilio.it 2 ottobre 2018

    Sono l’altra Italia: quella del 5-6%

  • max.bialystock@libero.it 2 ottobre 2018

    … cioè, come volevasi dimostrare; l’Italia delle Banche (straniere!)
    siete come il pd, identici, quasi indistinguibili proprio
    tale e quale (senza show)

  • liberato bonghi 2 ottobre 2018

    Ma gli italiani non vogliono più “arrendersi” a Berlusconi ed i suoi interessi.

    • riandree@yahoo.com 3 ottobre 2018

      Ignorantemente lei afferma ciò che le fa più piacere. Che non sia vero per lei è a prescindere. Le aziende di B DANNO LAVORO A DECINE DI MIGLIAIA DI PERSONE. Questo piccolo particolare è sempre omesso. Se si fa i suoi interessi ne beneficiano in parecchi

  • chiarinil@racine.ra.it 2 ottobre 2018

    Si l’Italia del BUNGA BUNGA

    • riandree@yahoo.com 3 ottobre 2018

      Il bunga bunga è stata un’invenzione per distruggere politicamente B per mezzo di giudici conniventi. Ed è stato fatto fuori per le stesseragioni per cui stanno cercando di fare fuori Salvini. Ma lei è giovane ed ignorantemente ha creduto alla propaganda. La compatisco.