Foggia, 50 migranti circondano due poliziotti e li pestano a sangue

martedì 9 ottobre 9:45 - DI Mia Fenice

Rivolta contro la polizia nel ghetto dei migranti. È accaduto quando, nel corso di un servizio anticaporalato e contro l’immigrazione clandestina nelle campagne di Borgo Mezzanone, vicino Foggia, agenti di una pattuglia della polizia stradale del Distaccamento di Cerignola dopo aver fermato un gambiano che aveva cercato di investirli con l’automobile, sono stati accerchiati da una cinquantina di immigrati e aggrediti a calci e pugni.

In particolare, i poliziotti hanno prima ordinato l’alt a un’automobile che procedeva a forte velocità. Ma il conducente, poi identificato quale cittadino gambiano, ha tentato di investirli ed è fuggito. La pattuglia si è posta all’inseguimento della vettura che ha speronato l’auto di servizio. Dopo una  fuga avvenuta anche su strade interpoderali, la corsa del cittadino africano è terminata nei pressi di un insediamento abusivo, popolato da molti migranti, vicino al Centro accoglienza richiedenti asilo di Borgo Mezzanone.

Scesi dall’auto i due agenti, dopo aver inseguito a piedi l’extracomunitario, lo hanno bloccato con grande difficoltà non solo per la sua violenta resistenza ma anche, per l’intervento di numerosi stranieri che hanno aggredito i due poliziotti. L’arrivo di altre pattuglie del Distaccamento di Cerignola, della Sezione di Foggia e dei Reparti Prevenzione Crimine ha fatto disperdere gli aggressori che hanno desistito. Il cittadino gambiano identificato come O.J., 26 anni, con vari precedenti penali, è stato arrestato. I due operatori del Distaccamento Polstrada di Cerignola hanno ricevuto le cure nell’Ospedale di Cerignola, rispettivamente con prognosi di 15 e 30 giorni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • claudia.pittol@libero.it 9 ottobre 2018

    Questi episodi di violenza sembrano moltiplicarsi nell’assoluto silenzio dei signori Saviano,Boldrini ecc…. forse le forze dell’ordine per loro non costituiscono un interesse, possono essere picchiati, insultati e loro zitti. Ma se qualcuno magari cerca di difendersi e magari tocca un un delinquente, perché di questo si parla, allora apriti cielo e c’e pure l’aggravante dell’odio razziale.ma quando insultano gli italiani che cos’ è?

  • Giuseppe Tolu 9 ottobre 2018

    Pistole elettriche!?!? E lanciafiamme no eh?

  • fabioguastalla33@gmail.com 9 ottobre 2018

    SPERO SOLO CHE LE NUOVE MISURE DI SICUREZZA MESSE IN PIEDI DA SALVINI RIPORTINO L’ORDINE COME SI DEVE IN UN PAESE DEMOCRATICO ALTRIMENTI SE SI CONTINUA COSI SIAMO ALLA FRUTTA VERAMENTE. TRASFORMERANNO L’ITALIA IN UN QUARTIERE NIGERIANO.

  • morreni.antero@gmail.com 9 ottobre 2018

    dal momento che sono stati aggrediti potevano usare le armi …