Fazio e Littizzetto oltre ogni limite: fanno anche pubblicità occulta

venerdì 12 ottobre 10:59 - DI Federica Argento

Ora è troppo. Non bastava il super compenso per la partecipazione di Cottarelli alla già costosissima trasmissione Rai Che tempo che fa;  ora Fazio e Littizzetto fanno anche pubblicità occulta a due notissimi marchi. Oltre ogni limite, oltre ogni regola. Episodio numero uno. È accaduto che un siparietto tra i due conduttori spacciato per sketch comico, abbia invece rimandato a un noto marchio commerciale. La Littizzetto ha iniziato la solita litania sui bollenti spiriti sessuali, facendo le sue solite allusioni, invocando in studio la presenza di virili maschi italiani. Ed ecco materializzarsi l’attore che impersona Capitan Findus (Littizzetto dice: «L’uomo che non si taglia con un grissino ma ci vuole la motosega»).

Episodio numero due. Ancora più esplicita  la scena in cui vengono introdotti «gli artigiani della qualità» ovvero i due testimonial di una nota marca di divani che ogni telespettatore ben conosce, visti i reiterati spot onnipresenti sulle reti. Molto apertamente (per non dire spudoratamente) Littizzetto, ha esclamato: «Ho bisogno di qualità, del 2×1», aggiungendo la battuta: «questi sono già in promozione per Natale. Se si addormentano di notte sul divano non puoi dirgli niente, se li sono costruiti loro…». Ancora una battuta esplicita: «Non possiamo comprare divani ogni giorno». E’ mai possibile tollerare una pubblicità così espicita? Escludendo che si sia trattato di pubblicità voluta dalla Rai (sarebbe stata segnalata) resta solo il comportamento scorretto del duo Littizzetto-Fazio. Una trasmissione che si conferma al di sopra delle regole, al di sopra del buon senso.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Cavernut@gmail.com 12 ottobre 2018

    Non li guardate, basta che cambiare canale e qualche scollacciata la troverete sicuramente

  • salvo.brindisi@libero.it 12 ottobre 2018

    il nuovo consiglio CDA si decida a mandarli via dalla RAI pubblica che noi paghiamo. o no?

  • Giuseppe Tolu 12 ottobre 2018

    Beh! Non sanno fare altro.