Decreto sicurezza, Di Maio: «Ranghi serrati». Ma Salvini prepara la fiducia

Si valuta la fiducia per il decreto Sicurezza. Ad annunciarlo è stato lo stesso ministro dell’Interno Matteo Salvini, motivando la possibilità come antidoto a una eventuale forma di ostruzionismo. Ma sul testo pesa la frattura interna al M5S. Lo stato maggiore del movimento, Luigi Di Maio in testa, ha cercato di minimizzare, anche rassicurando la fronda. Il caso, però, non sembra allo stato attuale destinato a rientrare: i dissidenti finora hanno confermato il no anche in caso di fiducia.

 
Il decreto è attualmente in discussione alla Commissione Affari costituzionali del Senato e il…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi