Confindustria “leghista” ci ripensa: «Manovra sbagliata, i soldi non bastano»

Coperture incerte, obiettivi troppo ambiziosi. Dall’endorsement filo-leghista di due giorni fa, alla correzione di rotta di oggi, all’insegna del pessimismo. Per gli industriali, prima fiduciosi nel Carroccio, oggi scettici sul governo, i soldi previsti, nonostante il salto di livello del rapporto deficit/Pil, non basteranno a far fronte a tutti gli impegni presi con la nota di variazione del Def.

 
«Anche accrescere l’obiettivo di deficit programmato al 2,4% difficilmente consentirà…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi