Casalino, è tensione nel governo. Tria attacca: «Da lui volgarità e minacce»

Tempi duri per i portavoce troppo intraprendenti (e imprdenti). È di nuovo scontro su Rocco Casalingo. E diventa polemica tra  Giovanni Tria e i 5 Stelle. Si riparla del il famoso audio Whatsapp, reso pubblico oltre un mese fa da alcuni quotidiani, in cui il portavoce della presidenza del Consiglio parla di “megavendetta” nei confronti dei tecnici del ministero dell’Economia e delle Finanze. Interpellato da Famiglia Cristiana su quella registrazione, Tria va all’attacco di Casalino: “Non desidero commentare volgarità e minacce contro funzionari dello Stato, specie se questi – osserva – ricoprono una funzione di garanzia ed indipendenza universalmente riconosciuta e prevista dall’ordinamento”.

Parole fortemente criticate dai pentastellati  che tornano a sottolineare come “l’audio rubato” al portavoce del premier sia “un’altra vergognosa pagina di giornalismo”. “Quelle parole – si sottolinea in una nota diffusa ieri – erano dette in privato e tali dovevano rimanere. Non si trattava affatto di minacce – si precisa – ma il portavoce riportava quella che è la linea del Movimento 5 Stelle”.