Boldrini e l’sos disperato: «Aboliamo i simboli». Ma non sono i partiti a non piacere: è la sinistra

Laura Boldrini ne sfodera un’altra dal suo magico cilindro: e poi dice di essere stanca di dover combattere la sua personale guerra contro le fake news che la bombardano. Eppure, stando a quanto da lei dichiarato solo 24 ore fa e puntualmente riportato da siti e giornali, la ex presidentessa della Camera anche nella sua trasferta in Sardegna, a Cagliari per l’esattezza – dove è volata per  presentare la proposta di legge “in itinere” sulla crescita dell’occupazione femminile in Italia, ne ha lanciata un’altra delle sue: i partiti non piacciono più agli italiani; meglio abolirne i simboli e dare spazio in esclusiva ai rappresentanti della società civile…

Laura Boldrini si lancia nell’ultima (disperata) proposta…

Proprio così: dopo aver incassato – appena domenica scorsa – l’ultima sonora sconfitta elettorale in Trentino aAlto Adige, dove il centrodestra unito ha dimostrato di essere in piena salute e la Lega di guadagnare terreno persino sull’alleato do governo pentastellato. Dopo aver provato a reagire alla batosta del 4 marzo che ha steso al ko la sinistra tutta lanciando per le prossime elezioni europee la proposta di una sinistra (allo sbando) da riunire nel segno di nuovo slancio propagandistico e di un rinvigorito smalto formale sotto il segno di Lue – un’unico soggetto politico, infelicemente ribattezzato come l’acronimo della “sifilide”(forse il parallelo è stato inconscio dato lo stato di salute politica non proprio esaltante in cui versa la sinistra nel Belpaese) – ora la Boldrini prova a ribattere su quel fronte e ari.sfoderare quanto da lei cinguettato su Twitter ormai un mese e mezzo fa, quando la ex presidentessa postò: «Che ne dite, se per sfidare la destra, i partiti progressisti rinunciassero ai propri simboli per dare vita a una lista unitaria nel segno dell’apertura e dell’innovazione»?

Abolire i simboli di partito e dare spazio alla società civile

Un sincretismo progressista e un’unione elettorale da cui ripartire in vista dell’appuntamento con le urne europeo su cui la Boldrini è tornataa insistere ancora nelle scorse da Cagliari, dove è andata a presentare la proposta di legge “in itinere” sulla crescita dell’occupazione delle donne in Italia, un incontro, quello sardo, dedicato alla memoria di valeria Solesin, la ricercatrice italiana uccisa nell’attentato terroristico del Bataclan a Parigi. Una tappa – la settima, conferma la Boldrini – del suo tour nazionale che prosegue all’insegna del cambio di marcia. E che cambio: una vera e propria inversione a U… Tanto che, nell’argomentare di lotta alla discriminazione femminile e di misure in materia previdenziale; nel soffermarsi sull’importanza della promozione dell’imprenditoria rosa e sulla necessità di rinverdire possibilità professionali e imprescindibilità della presenza delle donne nelle stanze dei bottoni, la ex numero della Camera ha lanciato la sua ultima, non proprio inedita, proposta: «I partiti? Non entusiasmano i giovani – ha tuonato –  per le Europee stiamo lavorando a una lista unica senza simboli di partito». Certo, data l’impellenza con cui la Boldrini torna a riproporre la sua formula (che evidentemente spera vincente per la sinistra), dimostra di aver preso atto di un centrodestra in forma smagliante, di una Lega in perfetta in salute e, di contro, di una sinistra in crisi endemica affetta dal virus dell’impopolarità elettorale che ne ha attaccato sistema e organi fin nei gangli connettivali.

Una crisi della sinistra a cui non basta solo un restyling di facciata…

Così tanto da far dire alla Boldrini, (come se mal comune potesse davvero garantire mezzo gaudio) che «i partiti non emozionano più, spazio alla società civile. I delusi sono tanti». E allora, che fare? «Una lista unica, in vista delle Europee, senza simboli di partito, e con precedenza alla società civile», suggerisce l’esponente Leu. Bisognerebbe dire a Laura Boldrini, intanto, che qualcuno, prima di lei, c’ha già pensato e che i simboli – e i partiti – che arrancano e non seducono più, sono solo quelli della sinistra: e che se Pd, LeU, e tutti gli altri loghi dell’attuale centrosinistra, sarebbero effettivamente da mandare in soffitta, lo stesso non vale per tutti gli altri – e gli ultimi risultati elettorali lo dimostrano –, e che, forse, non  simbolo della sinistra ad essere in crisi, ma un sistema di riferimenti politici, etici e pragmatici scricchiolanti da un po’ – e non solo in Italia – e a cui gli ultimi esecutivi di centrosinistra hanno dato la spallata finale. Di questo, forse, bisognerebbe prendere atto, prima di parlare di un restyling di facciata che interessa ancora meno delle proposte e delle promesse elettorali di un mondo dem allo sbando. E non da oggi.