Bari, la polizia salva una ragazzina finita nel “gioco” suicida del Blue Whale

La Polizia di Stato di Bari, coordinata dalla locale procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni e dal Servizio centrale operativo, partendo dalla segnalazione di alcune ”amiche di chat” ha individuato ed identificato una tredicenne coinvolta nel ”gioco mortale” Blue Whale ad un livello molto avanzato (il 30esimo e al 50esimo è previsto il suicidio); la ragazza, inoltre, veniva segnalata quale amministratore/partecipante di un gruppo WhatsApp denominato ”Panda”. I poliziotti hanno informato tempestivamente i genitori del coinvolgimento della figlia in questo pericoloso gioco.

 
E’ così emerso che la giovane adolescente da qualche mese trascorreva molto tempo…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi