Il 19enne ucciso da un cacciatore aveva un fucile da caccia e 50 munizioni

lunedì 1 ottobre 17:30 - di Roberto Frulli

Accanto al suo corpo oramai senza vita hanno trovato un fucile da caccia calibro 12 e una cinquantina di munizioni. Ma Nathan Labolani, il diciannovenne di Apricale, in provincia di Imperia, ucciso, per errore, ieri alle 20 di sera con un colpo di fucile all’addome da un cacciatore di 29 anni, di Ventimiglia, che l’avrebbe scambiato per una preda, non aveva il porto d’armi. Per questo ora la Procura di Imperia sta approfondendo le indagini per verificare di chi sia il fucile da caccia calibro 12 trovato accanto al giovane ucciso che, peraltro, indossava abiti da caccia e aveva con sé anche una torcia e un coltellino.

Investigatori ed inquirenti stanno anche cercando di ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente e, in particolare, stanno cercando di verificare i movimenti del giovane ucciso dal cacciatore che ha sparato contro Labolani un colpo con la sua carabina calibro 300 Winchester Magnum regolarmente detenuta, per capire se il ragazzo fosse o meno nascosto dietro a un cespuglio mentre era in corso la battuta di caccia al cinghiale, alla quale partecipava una squadra di Camporosso e una di Perinaldo, due Comuni delle vicine vallate. Labolani si trovava, infatti, all’interno di un’area di caccia, nei boschi fra Apricale e Pigna, in una zona piuttosto impervia.
Resta, per il momento, indagato per omicidio colposo il cacciatore ventinovenne che ha ucciso Labolani il quale si trovava nel bosco con il suo cane. Non si capisce come mai quando il cacciatore ha urlato  identificandosi prima di sparare Labolani non abbia risposto, anzi si sarebbe accovacciato ancor di più nel cespuglio contro cui, poi, il cacciatore ha sparato ritenendo vi fosse un animale.
I soccorsi dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Speleologico e della Croce Azzurra sono stati velocissimi, anche con un elicottero, ma il ragazzo ferito, raggiunto dai proiettili alla schiena, è morto poco dopo con varie ferite sull’addome.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • gdetoffoli@yahoo.it 2 ottobre 2018

    Non una, ben due squadre, in battuta o cacciata al cinghiale, ancora in caccia dopo il tramonto?
    Quanti uomini e cani In zona boschiva ? Canaro/i e muta in azione? Alle ore 20 ? Il capo-caccia con sole definitivamente tramontato da quaranta minuti circa non aveva ancora suonato i corni o comunicato via ricetrasmettitori o qualunque strumento convenzionalmente deciso per segnalare la chiusura della battuta? Lo sparo in che ora? Un 300 non è un petardo lo sentono tutti, Nel bosco è buio (da visore notturno) anche per il miglior swarovski e di sicuro impossibile senza ‘idonea’ attrezzatura. Il tiro, quanti metri doveva volare? a favore di luce crepuscolare su campo aperto oppure a visibilità già terminata dato che stavano lavorando in ‘zona impervia’ Troppa indeterminatezza, troppo tutto da chiarire da momento che per motivi evidenti l’articolista non è stato dotato di notizie più specifiche…x investigazioni ! Auguro loro che il gip sia all’altezza -o messo nelle condizioni- di fare un buon lavoro. Passare da colposo ad altro è un’attimo quando volano proiettili !

  • 2 ottobre 2018

    Mai più un permesso di p0ssiedere o portare un arma a questo individuo…un vero cacciatore prima di sparare deve verificare a vista se e un animale o umano…e dubito che abbia urlato prima di sparare…