«Populismo e sovranismo? Sono nella Costituzione»: così Conte zittisce gli snob

venerdì 14 settembre 18:30 - di Ezio Miles

Anche Giuseppe Conte si getta nella mischia ideologica di questi mesi e zittisce tutti gli snob e i “politicamente corretti” che provano a demolire le attuali battaglie dell’Italia politica.”Populismo e sovranismo? Personalmente non ho una concezione negativa di queste parole che richiamano l’articolo 1 della Costituzione: la sovranità appartiene al popolo”. Il presidente del Consiglio lo ha dichiarato a Trieste al 51° Incontro Nazionale di Studi dell’Acli. “Cosa significa “forze anti-sistema”? – si è chiesto Conte – Sono partiti e movimenti che hanno contrastato e denunciato la vecchia politica, proponendo un nuovo progetto, ma parlare di forze antidemocratiche è fuori luogo. Se poi chi ha avuto la fiducia degli elettori ne farà un cattivo uso ne risponderà”.

Secondo Conte “il populismo si crea dalla frattura tra politica e cittadini, il sovranismo nasce come reazione a una globalizzazione che ha aumentato le disuguaglianze. Le sfide attuali non possono essere affrontate con concetti ideologici dell’800 come destra e sinistra; il criterio migliore è probabilmente quello del riconoscimento o meno dei diritti e delle libertà fondamentali”.

“Il meccanismo democratico funziona? Secondo me sì. – ha aggiunto il premier – Semplicemente il 4 marzo c’è stato un chiaro segnale della volontà di voltare pagina. Strumenti di democrazia diretta sono utili ma non credo che la democrazia parlamentare vada emarginata o esiliata. La classe politica deve vigilare ed evitare la spocchia intellettuale e l’arroccarsi dietro a privilegi che hanno creato una frattura che è sempre colpa della politica”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Viviana 16 settembre 2018

    Esatto.
    Doverlo ricordare a coloro che si ritengono intellettuali,però, è inquietante al punto che spero nella loro malafede.

  • Francesco Desalvo 15 settembre 2018

    Giusto, ma non comanda in casa sua, dove invece si prevede l’estinzione del Parlamento e si vuol mettere il bavaglio ai mezzi di comunicazione perché criticano.

  • Angela 15 settembre 2018

    Bravo Conte!

  • Aldo Barbaro 15 settembre 2018

    Conte si sta dimostrando all’altezza della situazione.Avanti così ed auguri!!