Migranti, arrivi in Italia crollati dell’80% negli ultimi 8 mesi: lo certifica Frontex

venerdì 14 settembre 19:10 - di Mariano Folgori

La politica del rigore sul fronte degli sbarchi  comincia a dare i suoi primi, rilevanti frutti. Il ministro dell’Interno Salvini, pur attaccato dall’Europa del politically correct,  può trarre notevoli motivi di soddisfazione dalla lettura dell’ultimo  Frontex. Il numero dei migranti arrivati in Italia attraverso la rotta del Mediterraneo Centrale nei primi otto  mesi del 2018 è infatti crollato a 19.600, in calo dell’80% rispetto al corrispondente periodo del 2017. Sempre secondo Frontex, in agosto gli arrivi irregolari sulle nostre coste sono stati circa 1.500, in calo del 62% da agosto 2017. Finora, tunisini ed eritrei rappresentano le principali nazionalità, che pesano, congiuntamente, per oltre un terzo del totale.

I dati di Frontex confermano che quest’anno, almeno finora, il Mediterraneo Centrale, la rotta più letale, è diventata la meno percorsa dai migranti che tentano di raggiungere l’Europa. Nel Mediterraneo Occidentale, verso la Spagna, il numero dei migranti arrivati nei primi otto mesi è di 29.600, oltre il doppio rispetto a un anno fa e 10mila circa in più dell’Italia.

In agosto gli attraversamenti illegali verso la Penisola Iberica o le enclave spagnole sulla costa nordafricana sono stati 6.500, oltre il doppio di agosto 2017: per il secondo mese consecutivo, questa rotta ha pesato per oltre la metà del totale degli attraversamenti illegali.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Andrea 15 settembre 2018

    Se consideriamo che il governo attuale è in carica da quattro mesi il merito va anche all’ex Ministro Minniti che pur inviso alla sinistra ha ottenuto un grande risultato.La differenza sta solo nel fatto che il precedente ministro non sbandierava ai quattro venti il proprio lavoro ,ne faceva proclami assurdi per poi essere smentito ogni qual volta inventava accordi mai fatti.L’ultima figura è quella con la Tunisia che ha subito detto no al rimpatrio celere dei 140 clandestini sbarcati a Lampedusa l’altro giorno.

  • Ben Frank 15 settembre 2018

    Ma sono sicuri? E come può essere, se i kompagni pidi-oti hanno sempre ripetuto, che è un fenomeno epocale impossibile da fermare e governare? Che ci avssero pigliato per il c**o e raccontato solo palle, per far fare quattrini a vagonate ai loro sodali delle coop rosso-papiste? Beh, uil risultato è che alle ultime elezioni lo hanno pigliato loro in c**o e, alle prossime europee nel maggio 2019, dovranno aprire bene le natiche e lo sfintere, per “accogliere”… migranti? No, la madre di tutte le supposte!

  • sergi 15 settembre 2018

    Basta con questi emigranti, girare la nave e spedirli da dove sono partiti, vengono solo in Italia per spacciare droga. Mandarli in carcere al suo paese.!

  • Giuseppe Forconi 15 settembre 2018

    Speriamo che non lo sappia la boldrini, potrebbe infartare o collassare.

  • Silvano Valenti - Caracas 15 settembre 2018

    Bilancio nero per marxisti e chiercuti che traggono favolosi profitti dal traffico di schiavi da loro promossi. C’è la sperare che la Chiesa simoniaca si ravveda e che l’indignazione contro i negrieri rossi ci liberi quanto prima dagli ultimi residui del marxismo ladro e sterminatore.