Fiano attacca la campagna di Atreju, Giorgia Meloni gli sferra il colpo del ko

Accecato dalla voglia di protagonismo, nervoso per il tracollo del Pd, Fiano non riesce neppure a capire neppure il tono ironico della campagna dei giovani FdI per Atreju. Il deputato dem viene ritratto con una la scritta: “Quando scopri che Atreju è alla 21esima edizione e si supera il Ventennio”. «Ancora non ci eravamo arrivati», afferma Fiano che sembra colto da una crisi di nervi. «Farsi pubblicità con la propria frustrazione di essere nipotini dei fascisti. Scrivo qui un messaggino per Giorgia Meloni segretaria del Partito, il cui movimento giovanile è organizzatore di questo incontro. Il Ventennio non è stato superato. Il Ventennio è stato sconfitto dagli antifascisti, dai partigiani e dagli alleati. Ricordatevelo. Noi ce lo ricorderemo sempre, perché siamo figli o discendenti di quelli che dal dittatore del ventennio e dai suoi scherani, furono stuprati, torturati, uccisi, consegnati nelle mani dei nazisti e poi deportati nei lager nazisti dove furono gasati e bruciati. A 80 anni esatti dalle leggi razziali, si possono ritoccare molte cose con Photoshop. Non si può ritoccare la storia». Immediata la replica di Giorgia Meloni: «Udite udite: le proposte di Fiano non si possono prendere in giro. E questi sono i democratici… Ma secondo voi questi del Pd pensano veramente di riuscire a farsi votare con questi argomenti? P.s. Caro Fiano, la prossima volta che pensi di insultarmi trova almeno un’idea tua. Questa di Photoshop è già stata usata dai nostri ragazzi che, notoriamente, non risparmiano nessuno». Il deputato dem è servito. Anzi, messo al tappeto. Un ko che non lascia spiragli per una rivincita.

atrejufiano