Drammatico pranzo coi funghi killer a Rocca di Papa: 2 morti, 4 familiari gravi

Un’intera famiglia avvelenata dai funghi. Marito e moglie sono morti dopo un’agonia durata quattro giorni. Erano ricoverati al Policlinico Gemelli in terapia intensiva. Gravissime altre quattro persone, potrebbe salvarsi solo la nipote sedicenne. È accaduto a Rocca di Papa, uno dei principali centri dei Castelli Romani. Un pensionato di 78 anni potrebbe aver scambiato i funghi killer per ovuli innocui, perché erano piccoli, bianchi e non ancora schiusi. Invece si trattava di una specie velenosissima, e cioè l’Amanita falloide, chiamata angelo della morte, che provoca intossicazioni letali aggredendo fegato e reni. Il pensionato è morto insieme alla moglie, di 72 anni, che aveva cucinato i funghi per l’insalata da mangiare al pranzo domenicale in famiglia. Un’insalata mortale che solo la nipote aveva digerito poco. La madre, una maestra elementare, è già stata sottoposta a trapianto di fegato, la sorella del pensionato e la figlia commercialista vengono monitorate di continuo. Secondo quanto riportano le cronache locali si sono sentiti tutti male con crisi di vomito e lancinanti dolori all’addome. Quando hanno capito che erano stati i funghi era ormai troppo tardi.