Contrordine compagni, Martina evita il confronto: s’è offeso e non andrà ad Atreju

martedì 18 settembre 14:19 - DI Giulia Melodia

«Mi si nota di più se vengo e mi metto in un angolo, o mi si nota di più se non vengo proprio»? Su questo curioso dilemma si arrovellava Nanni Moretti in una delle più celebri sequenze di Ecce bombo, e su questo stesso quesito deve essersi interrogato anche il segretario del Maurizio Martina, quanto meno un po’ indeciso sul dare seguito – o meno – all’invito a partecipare alla storica manifestazione della destra italiana, Atreju,  presenza che, solo ieri, la leder di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, dava per confermata. E invece…

Martina straccia l’invito già accettato: non andrà ad Atreju

E invece, prima accetta, poi disdice, rinnegando presenza e disponibilità e sfuggendo al confronto tanto atteso: lo stesso che per 5 anni si è scapolato anche Renzi premier e numero uno del partito. Deve essere una prerogativa dei segretari dem, o almeno, così sembra: fatto sta che anche Martina declina l’invito e recita pure la parte dell’offeso: stando ai rumors in merito alla disdetta tardiva, infatti, sembra che il forfait alla 21esima edizione della kermesse della destra italiana tenuta da Fratelli d’Italia, sia dovuto la fatto di essersi impermalosito in nome e per conto del compagno Fiano, offesosi a sua volta – pare – per il manifesto apparso nella campagna social ideata dai giovani di FdI per pubblicizzare l’evento in programma dal 21 al 23 settembre all’Isola Tiberina, in cui il deputato democratico, primo firmatario della proposta di legge che porta il suo nome contro l’apologia di fascismo e nazismo, veniva ritratto ironicamente al fianco della scritta: «Quando scopri che Atreju è alla 21ma edizione e si supera il ventennio», con l’ovvio riferimento al ventennio fascista da Fiano tanto temuto e contro la cui memoria – rievocativa o celebrativa fa poca differenza – tanto pervicacemente si è speso e battuto. E così, come riporta tra gli altri in queste ore anche il sito de il Giornale, in una nota redatta di proprio pugno e sbrigativamente divulgata, il segretario del Pd stralcia l’invito precedentemente accettato e in pieno ripensamento avverte: «La decisione è stata assunta dopo aver visto l’inaccettabile campagna di comunicazione che prende di mira diversi esponenti tra cui il parlamentare del Pd, Emanuele Fiano».

Il commento di Giorgia Meloni in un post su Facebook

Contrordine compagni, insomma, e sembra che neppure una telefonata intercorsa tra il segretario del e Giorgia Meloni abbia potuto ricucire lo strappo a cui il numero uno del Nazareno si è tardivamente appellato. «Martina si conferma il degno successore di Renzi alla segreteria del Pd e ci comunica che non verrà più ad Atreju», commenta allora la leader di FdI, aggiungendo come, a lei come allo staff e agli ospiti di Atreju, dispiaccia davvero constatare come un partito che, in passato, non aveva nessun problema a partecipare alla nostra manifestazione con uomini come Veltroni o Violante oggi sappia soltanto scappare dal confronto». Una reazione, quella della Meloni, affidata a un post su Facebook in cui la presidente di Fratelli d’Italia aggiunge pure: «La motivazione del forfait di Martina, legata ad una campagna social talmente irriverente da non risparmiare nemmeno la sottoscritta, è così ridicola da rendere palese il terrore a confrontarsi sui temi del dibattito al quale era stato invitato: le infrastrutture, le concessioni autostradali e i tanti regali fatti in questi anni alla società dei Benetton. Qualora Martina voglia ravvedersi, sappia comunque che venerdì 21 settembre, alle ore 18.30, sul palco di Atreju ci sarà la sua sedia per accoglierlo», conclude la Meloni, allegando al post una foto della sedia riservata al segretario dem…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • maurocollavini@libero.it 20 settembre 2018

    Ma mi sapete dire cosa avesse di interessante da dire sto coso? Almeno invitate qualcuno con cui fare un confronto interessante:Gli stupidi lasciateli a casa loro

    • marco eletti 20 settembre 2018

      stupidi non lo so, sicuramente queste carogne sono in assoluta malafede e sapendolo scappano dai confronti per non fare appunto la figura degli imbecilli. coprono interessi della loro banda di delinquenti

  • Giuseppe Forconi 20 settembre 2018

    Democrazia….. parola troppo profonda da assimilare. Nei panni del martina sarei stato orgoglioso dell’invito, dimostrando che in democrazia nessuno ti ammazza, anzi avresti dato uno schiaffo morale a quel povero pirla di renzi e anche a quell’altro pirlone del fico d’india. Dai fai ancora in tempo ad andare, saresti applaudito.

  • marco eletti 19 settembre 2018

    solite fregnacce da comunisti e gay????

  • flo.faso@libero.it 19 settembre 2018

    povero becchino (martina) stare dietro a quel panzone di fiano perde ancora di più di credibilità (ammesso ne avesse) ha ragione calenda al pd ci vuole un buon psichiatra…

  • ancatel@libero.it 19 settembre 2018

    Me ne frego di Martina, del PD e, soprattutto, di Fiano, promotore di una legge talmente liberticida che di più non si può

  • gmartora17@gmail.com 19 settembre 2018

    Bisogna spiegare ai politici di sinistra che la satira serve proprio per misurare l’intelligenza di chi la subisce ed in ogni caso può essere motivo di riflessione. Secondo me il confronto fra i partiti, anche quelli diametralmente opposti se fatto con onestà intellettuale dà sempre dei risultati positivi. Mi auguro che il Presidente dem ci ripensi e occupi quella sedia a Lui riservata.

  • paologiammancheri@gmail.con 19 settembre 2018

    Martina…un morto che cammina…!!! come il pd…
    Rimpiango Veltroni Bersani e company ; c’era più divertimento…..

  • caroli_alessandro@fastwebnet.it 19 settembre 2018

    Ma scusa, Giorgia, perché fai un torto alla tua intelligenza? Credevi davvero che questo inqualificabile soggetto avrebbe accettato il confronto?
    Oramai dovresti sapere che se la suonano e se la cantano. Sono troppo dei bifolchi per accettare un confronto.

  • fabio.purgatorio@gmail.com 19 settembre 2018

    DIMOSTRANO,ANCORA UNA VOLTA,QUEL CHE SONO…..VIGLIACCHI,BUFFONI….COMUNISTI(IN POCHE PAROLE)!!!…..MISERABILI!!!!

  • chiarinil@racine.ra.it 19 settembre 2018

    Martina, pensa quanta considerazione hanno i tuoi compagni di partito nei tuoi confronti, ti hanno dato in mano le redini solo quando il partito era allo sbando, nessun altro ha voluto bruciarsi per un partito che andrà presto alla deriva come la FU DEMOCRAZIA CRISTIANA, è forse la democrazia che vi porta sfiga?
    Un attimo di riflessione non guasterebbe

  • mauro.zito@gmail.com 19 settembre 2018

    Non abbiamo perso nulla per l’assenza del compagno segretario PD…….!!!!!Bene hanno fatto gli ideatori del poster con cui si ricorda a Fiano che gli anni passano ma la fede rimane.

  • eno@libero.it 19 settembre 2018

    Povero Fiano che figuraccia! con la sua ridicola legge su apologia di fascismo credeva nella rimonta del Pd e invece gli ha scavato la fossa! E il povero Martina, ci va di mezzo.

  • abramo.deangelis@hotmail.it 19 settembre 2018

    Sono dei poveri ipocriti, in chiaro ed evidente catenaccio con accoliti allo sbando. La prossima volta si eviti di invitarli tanto sono tutti uguali purtroppo.

  • calvi59@gmail.com 19 settembre 2018

    Ma glielo avete detto che c’è pure da mangiare aggratis?
    Se glielo dite viene e porta pure i parenti.

  • andrea.somenzi@yahoo.com 19 settembre 2018

    Martina ??? PRO-euro PRO dictat europeo , NON C’ENTRA NULLA….

  • giovanni.gesia@comune.sangiulianomilanese.mi.it 19 settembre 2018

    NON CAMBIERANNO MAIIIIIIIIII, QUESTI comunisti HANNO SEMPRE AVUTO L’ODIO VERSO DI NOI, GENTE CHE SA’ AFFRONTARE L’AVVERSARIO E NON SCAPPIAMO DAVANTI AL CONFRONTO E NON CI RIFUGIAMO DIETRO A DELLE SCUSE BANALI (come il manifesto) PER NON CONFRONTARSI CON L’AVVERSARIO POLITICO……!!!!!……

  • romanogamba@libero.it 19 settembre 2018

    Una ennesima figuraccia, ma non ti preoccupare, sei abituato e vaccinato a queste !!!

  • beggio.sergio2014@libero.it 19 settembre 2018

    Martina, vai vai il 21 di settembre non avere paura, ti aspettano.!! se stai buono ci sarà anche una bella sorpresa per te……..

  • Carlo.buzzi13@gmail.com 19 settembre 2018

    Martina più scarso di lui si muore oltre essere scarso e anche brutto come persona sembra uno zombi con la barba peggio ancora neanche il PD lo considera

  • guido55@libero.it 18 settembre 2018

    Che tristezza, fino a che la satira (becera ed ignorante) arriva da quella parte è tutto lecito, quando invece c’è intelligenza e piacere nel sorridere questi cosa fanno? Non ci sto più, ridatemi la palla, torno a casa. Ci sarebbe da sbellicarsi dalle risate se non fosse che questi quattro gatti volevano governare il paese. Poveretti.

  • gdetoffoli@yahoo.it 18 settembre 2018

    Martina, ma che mi fai, Martinaaa hai voluto e preteso di restare il Leader dei Poveri Diavoli e perdi le bretelle per Fia-no ? Ma, dico, hai voglia di scherzare? Ai tempi ti facevano un processo in piena regola.. te lo ricordi peppone? Ora in fuga tutti davanti ad una donna alta come un soldo di cacio che quando parla con Crosetto fa tenerezza ma ha due palle da biliardo d’acciaio ed un partito che vi sta affogando di ridicolo e non per loro dispettosità ma per la vostra viltà ! Ricorri a Fia-no per fare il broncio e fuggire ?
    Dammi retta chiama il vostro amico Mazzancolla, che è nonno e di fughe davanti al nemico ne ha risolte diverse a tanti, fatti consigliare e poi fatti curare ma bene e decidi se la barba la porti o no, tanto ti si riconosce lo stesso quando apri bocca ! oioioi.. che roba !

  • dario.nolfo@live.com 18 settembre 2018

    Ma se non l’hanno invitato neanche alla cena di quei quattro sventurati amici suoi come vi potete aspettare mai che abbia la faccia di poter venire da voi, dai su… è un poveraccio!