«Boldrini porta i migranti a casa tua». Artigiano marchigiano indagato per due mail

giovedì 13 settembre 16:27 - di Redazione

«Boldrini, gli immigrati portali a casa tua!». Una mail aggressiva alla quale ne avrebbe fatta seguito un’altra con esplicite offese di carattere sessuale su cui la Polizia postale, su denuncia di Laura Boldrini, per qualche mese ha indagato fino a risalire all’autore di quegli scritti: è un artigiano marchigiano, di Castelfidardo, in provincia di Ancona, iscritto nel registro degli indagati per diffamazione aggravata e minacce. Ne dà notizia Il Resto del Carlino, nelle sue pagine locali. L’expresidente della Camera, da tempo impegnata nella lotta contro le offese sul web,aveva sporto denuncia nel novembre scorso, quando ancora sedeva sulla poltrona più alta di Montecitorio.

La Procura di Roma, per competenza territoriale, visto che la Boldrini abita nella Capitale, ha così aperto un fascicolo di indagine arrivando a individuare lo “stalker” virtuale. «L’artigiano, che non appartiene a nessun partito o movimento estremista, non ha fornito nessuna risposta in merito ai fatti contestati. L’artigiano avrebbe invitato l’ex presidente della Camera a tenersi in casa propria gli immigrati con parole molto dure», spiega l’articolo del quotidiano.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Andrea 14 settembre 2018

    Non solo non se li porterebbe a casa, ma se ne vedesse un paio che gironzolano anche a 100metri dalla sua villa chiama la polizia e li fa arrestare !!! … ma questo ovviamente non si deve sapere.

  • ANTERO 14 settembre 2018

    Mah !

  • sonnynauta 14 settembre 2018

    Ma certo, coi magistrati alle dipendenze della sinistra potete fare il bello e il cattivo tempo, bravi, bravi bravi! Viva l’Italia di regime comunista!

  • Aldous 14 settembre 2018

    I social e il web sono pieni di scriteriati che parlano a briglia sciolta, ma praticare la denuncia mi sembra non dissuasivo ma terroristico.
    Io avrei scelto una via di espiazione più adatta: “In alternativa alla denuncia, accetti di essere chiamato ‘cretino’ con tanto di nome e cognome?”.

  • Taddei Roberto 13 settembre 2018

    Ecco appunto se ci tieni tanto ai CLANDESTINI te li puoi tenere e dagli da mangiare ok sign.ra boldrini ? Nessuno fa a botte per portarteli via. A me nn interessa proprio.

  • Massimo Casali 13 settembre 2018

    Con tutti I reati che vengono commessi in rete, a noi clonata la carta di credito pochi mesi fa voi avete più saputo niente, noi no; si utilizza la polizzia postale per perseguire la brava gente. BASTAAAAAAA

  • Massimo Casali 13 settembre 2018

    Paese alla rovescia, si indagano le vittime e si difendo I responsabili politici e morali dei tanti reati commessi nei confronti dei Cittadini Italiani. Speriamo che le cose stiano cambiando.