Un treno con 700 tonnellate di rifiuti è fermo da due mesi a Roma

Un treno con 700 tonnellate di rifiuti della Capitale, fermo da due mesi al Salario perché Ama e Comune non individuano una destinazione. La denuncia arriva da Legambiente Lazio. Si tratta di uno dei convogli su cui venivano caricati i rifiuti di Roma per spedirli agli inceneritori di Austria e Germania. Scaduto e non rinnovato l’accordo per il conferimento fuori ambito su ferro, l’ultimo treno caricato che sarebbe dovuto partire l’11 giugno scorso, è rimasto invece sui binari della stazione Roma Smistamento, accanto alla fermata della FL1 Nuovo Salario. “La società che avrebbe dovuto svolgere per conto di Ama il conferimento è la Enki srl, vincitrice del bando per la gestione dei treni di rifiuti ma evidentemente non ha più un luogo dove smaltire quest’ultimo carico – fa sapere Legambiente – e contattata, la Enki srl ha evitato di rispondere alle richieste di chiarimento”. Il Gruppo Ferrovie dello Stato ha confermato la presenza ancora oggi del treno sui binari della stazione di Roma Smistamento, esattamente nel luogo da dove sarebbe dovuto partire, con le 700 tonnellate di rifiuti,  due mesi fa per il centro Europa. “Il Comune di Roma deve individuare la destinazione del treno e il luogo dove portare quei rifiuti chiedendo alla Regione l’autorizzazione in deroga per il conferimento, oppure Ama deve svuotare immediatamente quel treno di monnezza”, dichiara Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio. “Secondo le intenzioni della municipalizzata – continua Scacchi – al momento del bando per il trasporto ferroviario i viaggi dovevano servire proprio a diminuire la mole di rifiuti e avviare la chiusura del TMB del Salario. Invece, ironia della sorte, il treno è fermo a pochi metri dall’impianto Ama e aumenta i miasmi che attanagliano ogni giorni i cittadini di Villa Spada e dell’intero quadrante”. Sul banco degli imputati, l’assenza di impianti di gestione sul territorio. Per invertire la rotta, per Legambiente serve un veloce aumento della differenziata con diffusione del porta a porta e impianti di gestione nel territorio romano, in grado di fermare la migrazione dei rifiuti tramutandoli in risorsa: bisogna chiudere i TMB e costruire impianti di nuova generazione. E intanto far partire subito quel convoglio con 700 tonnellate di rifiuti.