Toninelli: “Toglieremo la patente a chi usa lo smartphone in auto”

domenica 12 agosto 12:45 - DI Davide Ventola

«Stiamo ragionando su un inasprimento delle sanzioni» per chi usa lo smartphone mentre sta guidando, «fino all’eventualità del ritiro immediato della patente. Ma prima ancora di una scelta sulle norme, servono più controlli e una doverosa opera di sensibilizzazione culturale, specie tra i giovani. Senza un cambio di mentalità, i risultati saranno sempre parziali». Lo dice il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli al Mattino di Napoli, che pubblica un’inchiesta sugli incidenti stradali causati dall’utilizzo del cellulare.  Quello dell’uso degli smartphone al volante «è un fenomeno gravissimo, perché ha a che fare con le nostre abitudini più radicate e con l’idea, errata, che in fondo certe cose possano accadere solo agli altri. Ciò rappresenta una tragica sottovalutazione dei rischi», osserva Toninelli.

Oggi solo una multa per chi usa lo smartphone

Il Codice della Strada attualmente in vigore regola le infrazioni legate all’uso di smartphone, ma non solo, attraverso l’articolo 173. «È vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore», recita il testo, precisando che fanno eccezione i veicoli delle forze armate e della polizia, mentre «è consentito l’uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purché il conducente abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie che non richiedono per il loro funzionamento l’uso delle mani». Relativamente alle sanzioni, la multa oscilla tra i 160 e i 646 euro e la sospensione della patente è una sanzione amministrativa accessoria, ovvero viene applicata solo se l’automobilista viene sorpreso nuovamente al volante con il cellulare nei successivi due anni dalla prima multa. Inoltre, la sanzione amministrativa può essere applicata anche quando il guidatore è fermo a uno stop o a un semaforo perché l’auto non si trova in sosta, ma è in marcia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • gianni.selvidi@virgilio.it 14 agosto 2018

    FANNO BENE FANNO BENE SAREBBE ORA?

  • Roccoangela60@yahoo.it 13 agosto 2018

    Trovo giusto punire chi mette a repentaglio la propria vita è quella altrui

  • alfonso.deblasio@hotmail.it 13 agosto 2018

    Finalmente!!!!!era ora!!!!!! Ma sarà vero che questa legge sarà applicata?

  • riccardo.gaule@alice.it 13 agosto 2018

    Per caso, avete visto qualcuno che controlla le suddette infrazioni ? Migliaia di automobilisti guidano telefonando ma nessuno li vede perché manca un controllo territoriale.

  • giorgiofernanda@libero.it 13 agosto 2018

    tante belle parole, ma come il solito, non si farà nulla

  • sharimo@alice.it 13 agosto 2018

    Gradirei sapere da Toninelli come fare’ a togliere la patente a chi guida telefonando visto che non esistono forze di sicurezza sulle strade ed autostrade? Forse per opera e virtù’ dello Spirito Santo? Sono inutile propaganda, io vedo durante la giornata, centinaia di persone che guidano telefonando!Se fossi un agente in borghese toglierei centinaia di patenti al giorno!

  • Giovanni Vuolo 13 agosto 2018

    NON SONO D’ACCORDO. L’EDUCAZIONE STRADALE NON SI IMPARTISCE CON CONTINUI GIRI DI VITE. ORMAI GUIDARE E’ DIVENTATO UN INCUBO, CON SANZIONI PESANTISSIME, PATENTE A PUNTI, AUTOVELOX, E CHI PIU’ NE HA PIU’ NE METTA. L’AUTISTA NON GUIDA PIU’ CON LA SERENITA’ NECESSARIA,ED I NOSTRI GOVERNANTI ALTRO NON SANNO FARE CHE INASPRIRE SEMPRE DI PIU’ LE SANZIONI AD OGNI MODIFICA DEL CDS. OGNI NUOVO ELETTO RITIENE DI DARE IL CONTRIBUTO A MIGLIORARE LA SICUREZZA STRADALE, E MODIFICA IL CDS CON CONTINUI GIRI DI VITE. CI SARA’ QUALCUNO CHE SAPRA’ REGALARCI UN CODICE EQUILIBRATO, CHE NON CONSIDERI GLI AUTOMOBILISTI TUTTI DELINQUENTI DA PERSEGUIRE E CITTADINI DA VESSARE?

    • lamberto.lari@hotmail.it 20 agosto 2018

      Gent.mo Gianni, comprendo la tua esasperazione ma c’è un ma…..se alcune violazioni sono dei peccati veniali, altre mettono a rischio la vita degli altri in primis e anche di chi guida e dei trasportati! pertanto le pene severe sono le uniche che funzionano come deterrente……purtroppo l’insensibilità a queste norme se non sfociano nelle rispettive attenzioni e osservanze hanno come alternativa quella dell’inasprimento delle sanzioni che a mio avviso in questi casi servono molto di più che ad es. per i divieti di sosta:

  • Giuseppe Forconi 13 agosto 2018

    Se si applicasse veramente la legge……… non ci saranno meno macchine in giro e le autostrade saranno piu’ libere e si potra’ camminare per le citta’ senza pericolo di essere investiti. Forza mettetela in atto questa legge.

    • fabio_randone@teletu.it 13 agosto 2018

      Purtroppo la maggioranza degli italiani è un popolo di maleducati e incivili , la legge c’è basterebbe che ogni uno la rispettasse. Oggi giorno poi le auto sono dotate di tecnologie tali da poter parlare al telefono senza distrarsi e i messaggini si possono mandare non alla guida. A questo punto se molti, troppi non la capiscono forse stare senza patente per un po’ li porterà a farlo. Certo è che i tutori dell’ordine devono dare il buon esempio come gli autisti di mezzi pesanti e soprattutto di autobus. Per loro una pena ancor più severa.

  • grubisiclilia@gmail.com 13 agosto 2018

    Se entrerà in vigore questa legge (e lo spero), non ci sarà più traffico nelle strade e i distributori di carburanti chiusi.

  • merda49@hotmail.com 12 agosto 2018

    Questo dovrebbe valere anche pe gli agenti di pulizia e carabinieri che spesso vedo al cellulare mentre in marcia..
    E camionisti che a causa del cellulare mi anno strinto fuori della mia corsia.
    Non sara mai tsrdi se lo si fa ma gli italiani siamo un popolo testardo che non ci ferma nessuna regola.

    • gimi@tin.it 13 agosto 2018

      e la grammatica dove l’hai persa

    • lamberto.lari@hotmail.it 20 agosto 2018

      Gent.mo in merito al suo intervento la pregherei di non equiparare mai le forze dell’ordine a noi automobilisti (anche tra alcuni di loro ci saranno dei comportamenti non corretti e i loro sott’ufficiali e ufficiali hanno il dovere di intervenire disciplinarmente) ma credo che uno sparti acque debba doverosamente essere fatto….mai confondere mele e pere.

  • 12 agosto 2018

    Ottima idea. Si spera questo in tutte le nazioni del mondo!

  • gdetoffoli@yahoo.it 12 agosto 2018

    Decisione che, se sottoposta a referendum voterò molto volentieri !

  • Giuseppe Forconi 12 agosto 2018

    Ottima idea, veramente geniale. Pero’ come la mettiamo con i distributori di carburanti quando sapranno che l’ottanta percento della popolazione non ha piu’ la patente?? Potranno sopravvivere per mancate vendite di carburante ?

  • Giuseppe Tolu 12 agosto 2018

    Quando sarà, sarà sempre troppo tardi