Tajani avverte Salvini: “Che fine fa la Lega senza i nostri voti?”

«Io credo che il centrodestra vince se unito. Salvini e la Lega restano nostri alleati, noi almeno vogliamo andare uniti in tutta Italia. Speriamo lo vogliano anche loro. Dividerci vorrebbe dire far vincere il M5S e il Pd. È quel che vuole Salvini?». Lo dichiara il presidente del Parlamento Europeo e numero due di Forza Italia, Antonio Tajani, in un’intervista a Repubblica, in cui stigmatizza un eventuale patto di desistenza Lega-M5s: «Se lo facesse, Salvini perderebbe buona parte dei suoi voti. Mi auguro che faccia chiarezza. Voglio pensare che non sia così, che non voglia aiutarli a vincere», dice in riferimento ai 5 Stelle che definisce «dilettanti allo sbaraglio».

“Alla Lega non conviene bloccare la Tav”

«Chiediamo a Salvini di chiudere fin d’ora questa esperienza coi 5 stelle – aggiunge Tajani – pericolosa per il Paese. Se rompe con noi nelle regioni, facendo vincere i suoi alleati di governo o il Pd, perderà buona parte dei suoi voti». Per il numero due di Forza Italia è «fondamentale» il «completamento delle grandi opere», perché «richiesto dalla stragrande maggioranza dei cittadini, come dimostrano i recenti sondaggi. Ebbene, se la decisione sarà sottoposta alla valutazione del Parlamento, allora c’è una maggioranza parlamentare assai ampia in favore della Tav e delle altre opere, che rispecchia la maggioranza degli italiani. Con buona pace del M5S. Salvini dovrà tenerne conto». E sugli annunci del ministro dell’Interno che non frenerà gli esodi da Forza Italia verso la Lega, Tajani ribadisce: «Noi non siamo una candela che si sta spegnendo, abbiamo 170 parlamentari, decine di sindaci, centinaia di amministratori locali. Non c’è alcun esodo, altri parlamentari stanno anzi transitando con noi. Non vedo rischi. Godiamo di buona salute».