Ponte Morandi, si scava sotto le macerie. In arrivo anche le Forze armate

Si scava sotto le macerie. Le squadre dei vigili del fuoco stanno ”operando in massa” dopo il crollo di una parte del ponte Morandi sulla A10. «Sono state attivate – twittano i vigili del fuoco – le squadre Usar e le unità cinofile», specializzati nella ricerca di persone sotto le macerie. Le vittime sono numerose, il bilancio parla già di venti morti. Tra le vittime anche un bambino. Molti i mezzi schiacciati sotto le macerie, fanno sapere fonti della polizia. Il viadotto è uno degli snodi principali del capoluogo ligure.

 Salvini nella sala operativa dei vigili del fuoco

«Stiamo seguendo minuto per minuto la situazione del crollo del ponte di Genova, ringrazio fin da ora i 200 Vigili del Fuoco (e tutti gli altri eroi) che stanno già adesso lavorando per salvare vite». Lo scrive in un tweet il ministro dell’Interno Matteo Salvini che si trova nella sala operativa nazionale dei Vigili del Fuoco.

Il ministro della Difesa Elisabetta Trenta: «Siamo pronti a supportare i soccorritori con uomini e mezzi delle Forze armate a sostegno della cittadinanza».

Su Twitter il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani scrive: «Non ci sono parole per ciò che è accaduto a Genova. Ho appena parlato con Giovanni Toti. Una preghiera».

Mentre il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli che domani sarà a Genova spiega: «Sto seguendo con la massima apprensione ciò che è accaduto a #Genova e che si profila come immane tragedia».

A maggio l’annuncio di Autostrade

Era il 3 maggio di quest’anno quanto Autostrade per l’Italia annunciava la ristrutturazione del viadotto del Polcevera a Genova. Sul sito della società si legge che la spesa per le opere stradali appaltate a procedura ristretta ammonta a 20 milioni di euro. A promuovere la procedura, si legge sul sito, è Autostrade per l’Italia del gruppo Aspi, che «ha aperto la pratica per affidare gli interventi di adeguamento strutturale del viadotto Polcevera al km 000+551 dell’autostrada A10 Genova-Savona». L’importo è di 20.159.000 euro, di cui 14.758.000 per lavori parte a corpo e parte a misura e 5.401.000 euro per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso. La categoria prevalente è la OS18-A pari a 8.396.600 euro, quelle scorporabili sono la OG3 e la OS11. «Le domande di partecipazione dovranno pervenire entro l’11 giugno 2018».