L’allarme di Giorgetti: “Mi aspetto un attacco dei poteri forti contro l’Italia”

domenica 12 agosto 10:46 - DI Guido Liberati

Il sottosegretario a Palazzo Chigi Giancarlo Giorgetti lo dice a chiare note: «La vecchia classe dirigente italiana ed europea vuol far abortire questo governo, per non alimentare precedenti populisti». In un intervista a Libero l’autorevole esponente leghista non nasconde di temere un attacco speculativo via spread. «Sono preoccupato il giusto», afferma. «L’attacco io me lo aspetto, i mercati sono popolati da affamati fondi speculativi che scelgono le loro prede e agiscono. Abbiamo visto cos’è accaduto a fine agosto nel ’92 e sette anni fa con Berlusconi. In estate ci sono pochi movimenti nelle Borse, è un periodo propedeutico a iniziative aggressive nei confronti degli Stati, guardi la Turchia».

Giorgetti: “Sapremo reggere a un attacco speculativo”

Per il sottosegretario comunque il governo è pronto a reagire. «Se arriva il temporale, apriremo l’ombrello. L’Italia è un grande Paese e ha le risorse per reggere, anche grazie al suo grande risparmio privato. Quello che mi preoccupa è che, nel silenzio generale, gran parte del risparmio italiano è stato portato all’estero e quindi la gestione dei nostri titoli non è domestica». «Il governo populista – aggiunge – non è tollerato. La Ue teme che, se funziona in Italia, altri Paesi possano imitarci. Quello che sarà però più pesante è il fuoco amico: le opposizioni sono ridotte ai minimi termini. Non hanno forza popolare dietro e ricorreranno a ogni strumento per metterci in difficoltà».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giulioarditi@libero.it 13 agosto 2018

    Se davvero pensa che l’Italia subirà un attacco speculativo perché il suo governo è inviso nel mondo, dovrebbe levarsi dai piedi.
    O nel suo piccolo vuole imitare qualcuno che dichiarò guerra al mondo intero, e quando fu chiaro che la guerra era persa e strapersa, continuò a “resistere e combattere” fino a che la nazione fu completamente distrutta e lui passò a miglior vita?

    • a.katka@web.de 13 agosto 2018

      giulio, la tua considerazione mi lascia perplesso: tu stai dicendo veramente che se qualcuno ci minaccia, a noi italiani, noi dobbiamo levarci dai piedi? E consegnare ai mercati la sovranità di scegliere il governo? Il nostro governo eletto a stragrande maggioranza non dichiara guerra a nessuno, sono loro che dichiarano guerra a noi, riesci a capire questo concetto?

  • Francesco Ciccarelli 12 agosto 2018

    Non ci sono state soltanto le speculazioni finanziarie del 2011: ricordate l’aggressione contro Berlusconi, colpito da uno psicolabile (plagiato?) con una statuina?

  • 12 agosto 2018

    E se succede? Bisogna resistere contro le forze esterne Italia a il diritto di proteggere la sua storia e cultura…qui non è razzismo e la ingiustizia delle altre nazioni Europee..Italia deve resistere e sopportare il nuovo governo….Esiste sempre la opportunità di dichiarare completa Sovranità

  • gdetoffoli@yahoo.it 12 agosto 2018

    E sì, i segnali di fumo ci sono, sarebbe un dramma ma bisognerebbe abbattere il vessillifero !

  • Roccoangela60@yahoo.it 12 agosto 2018

    Temo che questo possa succedere,.ma il popolo è intelligente e capirebbe subito che sarebbe un attacco voluto e strumentalizzato,che non si ripeta ciò che successe a Berlusconi,oggi non lo permetteranno,non c’è ne staremmo buoni e zitti!

    • Gianluca Sala 13 agosto 2018

      Mia cara Angela, proprio sicura che il Popolo sia intelligente? Se siamo a questo punto è proprio perchè il Popolo l’ha permesso. Finchè abbiamo il cellulare, Sky e compagnia bella va tutto bene. Ogni tot si vota per un altro partito nella speranza che cambi qualcosa, ma l’unico sforzo ( e comunque oramai anche quello uno sforzo di pochi) è quello di porre una x sulla scheda elettorale ogni x anni. Risultato? Nullo. Purtroppo la storia insegna che finchè non si tocca il fondo, finchè il Popolo non è realmente ridotto alla fame la situazione non cambia. Gli oligarchici rimango al potere. Chiamali PD, M5S, Forza Italia, Lega oppure UE, chiamali come vuoi. Il risultato non cambia.
      Il vero cambiamento richiede un notevole sforzo. Siamo realmente sicuri che l’Italia sia disposta a soffrire e tanto? Spero vivamente che ciò accada perchè solamente così l’Italia potrà sopravvivere

  • antopintus@live.it 12 agosto 2018

    Per questo tutta l’Italia deve resistere e combattere con l’aiuto di questo nuovo governo, il governo del cambiamento.