“La villa confiscata alla mafia? Orlando ci piazza i rom”. La protesta di FdI (video)

sabato 11 agosto 14:12 - DI Carlo Marini

In una nota Congiunta del coordinatore palermitano di Fratelli d’Italia Raoul Russo e del consigliere comunale Mimmo Russo, Fratelli d’Italia «esprime il suo sostegno ai residenti di Via Felice Emma e stigmatizza la gestione della vicenda da parte del sindaco Orlando». «Non possiamo che essere al fianco dei residenti della zona di Via Emma, che dopo anni di abbandono da parte delle istituzioni cittadine in tema di servizi essenziali, senza alcun confronto preventivo, si sono visti imporre la scelta dell’amministrazione comunale del trasferimento di famiglie eom nel loro quartiere – dicono – Trasferimento in una villa confiscata alla mafia, che per le sue caratteristiche non dovrebbe essere inserita negli alloggi da assegnare all’emergenza abitativa, ma da destinare altre funzioni sociali importanti e necessarie per le esigenze del territorio». «Invece, il sindaco Orlando, che ha un’oggettiva responsabilità storica sulla nascita del campo nomadi della Favorita, costretto finalmente dalla magistratura a disinnescare questo disastro sociale e ambientale, non trova di meglio collocare i rom in alloggi pubblici, con tanto di opere di manutenzione straordinarie da parte delle maestranze comunali per la loro accoglienza, in aree di periferia abbandonate da anni, aggiungendo il contorno dei soliti santini sulla politica dell’accoglienza senza e senza ma, a scapito delle legittime esigenze dei palermitani».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • barbantig@tiscali.it 12 agosto 2018

    perfetto,da delinquenti,ad altri delinquenti

  • ufusco20@yahoo.it 12 agosto 2018

    conigli che si trasformano in leoni!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • gillimalli@hotmail.com 12 agosto 2018

    …..Dalla padella alla brace….

  • an.marconcini@gmail.it 11 agosto 2018

    Ma questi signori politici perché non hanno mai sbraitato quando la villa era sotto il dominio della mafia.Certo che non è regolare dare ai rom come a qualsiasi altra famiglia una villa per abitazione e giustamente la villa deve poter essere utilizzata per altri scopi.Mi stupisco del fatto che in tutti questi anni gli abitanti che ora gridano allo scandalo non abbiano mai protestato ne condannato chi ha occupato in precedenza la villa.Comunque a fare la figura di cioccolata sono al solito i politici che solo ora alzano la voce e da impavidi cuor di leone si trasformano di colpo in paladini della legalità.E quando c’era la mafia?Tutti zitti.