Il racconto della dottoressa molestata: «Quando ho aperto la porta…»

sabato 18 agosto 10:50 - di Fabio Marinangeli

«Servono misure urgenti e strutturali per garantire sicurezza, soprattutto nelle guardie mediche che si trovano in luoghi particolarmente isolati. Sono una donna forte, dopo l’episodio sono tornata subito al mio lavoro, ma in certe condizioni, per scansare un’aggressione, non ci si può affidare all’esperienza o alla fortuna». A dirlo è Antonella Rosselli, la dottoressa molestata da un 19enne la scorsa settimana mentre era in servizio alla guardia medica di San Cipirello, nel palermitano. Come già avvenuto in tutti gli altri processi che coinvolgono medici e paramedici vittime di aggressioni verbali e fisiche, l’Ordine dei medici di Palermo si costituirà parte civile anche nel processo. «Nel mio caso – racconta – l’esperienza mi ha permesso di riconoscere subito il possibile rischio, già dal momento in cui ho aperto la porta all’aggressore che bussava con la scusa di avere forti dolori allo stomaco. Non ci ho creduto, ma sono un medico e, al di là delle mie impressioni, devo accertarmi dello stato di salute di chiunque. La buona sorte poi ha fatto il resto perché i sanitari del 118, che sostavano nell’edificio accanto, erano presenti e non fuori per servizio. Alle mie urla sono intervenuti immediatamente e il ragazzo è scappato con l’auto che aveva lasciato nel piazzale, probabilmente non per caso».
«Ringrazio i sanitari per il loro aiuto e le tante solidarietà ricevute dalle istituzioni, a partire dal sindaco di San Cipirello, Vincenzo Geluso – dice la dottoressa molestata-. Ma vorrei ringraziare soprattutto il lavoro certosino dei carabinieri di San Cipirello, che prontamente hanno svolto le indagini e individuato subito l’aggressore, nonostante avesse fornito le generalità (perfettamente coincidenti) di un’altra persona e le immagini delle telecamere di videosorveglianza non fossero chiare».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giusepoe 19 agosto 2018

    Catrazione chimica ed Ergastolo ma se fosse x me Pena di Morte

  • Silvia 19 agosto 2018

    Una bella castrazione chimica!!!! Hanno proprio stufato.